• Media
  • giovedì 15 settembre 2011

Il festival di Internazionale a Ferrara

Il programma è stato presentato oggi, e ci sarà anche il Post

Oggi a Ferrara è stata presentata la quinta edizione del festival di Internazionale, affollato e apprezzato appuntamento annuale organizzato dal miglior settimanale italiano. Il festival si terrà proprio a Ferrara, come ogni anno, da venerdì 30 settembre a domenica 1 ottobre. Il programma del festival si può scorrere integralmente qui.

Si parlerà molto dei movimenti di protesta e delle rivoluzioni in Nordafrica e in Medio Oriente: saranno presenti Ziad Majed, attivista politico della sinistra libanese e gli egiziani Issandr el Amrani, fondatore di The Arabist, e Hossam el Hamalawy, autore del blog Arabawy. Tra gli ospiti anche l’intellettuale britannico John Berger, la scrittrice e attivista indiana Arundhati Roy, il giornalista britannico Jason Burke, il giornalista e scrittore argentino Horacio Verbitsky, la giornalista russa Yulia Latynina, l’inviata del New York Times Elizabeth Rubin.

Anche il Post sarà presente a Ferrara. Luca Sofri, il peraltro direttore, modererà un dibattito con Evgeny Morozov, giornalista bielorusso noto per essere un esperto e attento osservatore di cose di Internet (e scettico su definizioni come “le rivoluzioni di Twitter”). Venerdì alle 18.30 e sabato alle 19, poi, Luca Sofri e un pezzo di redazione del Post condurranno “il tg del Post”, ovvero il racconto delle cose che sono successe durante la giornata mentre i molti partecipanti al festival erano in giro per Ferrara a seguire incontri e dibattiti. Altre cose da segnare sull’agenda: il dj-set di Jovanotti, la proiezione del film di Gipi L’ultimo terrestre, il concerto in piazza di world music dei maliani Amadou e Mariam, le TED Conference trasmesse al cinema Apollo. Ma c’è davvero molto altro, e quindi vi rimandiamo nuovamente alla lettura dell’intero programma.

Gli incontri del festival sono tutti a ingresso libero, senza prenotazione. La grande partecipazione al festival negli anni ha generato file sempre più lunghe per assistere agli eventi, specie quelli al Teatro comunale con gli ospiti di maggiore rilievo. Quest’anno il sistema delle file per gli eventi al Teatro comunale è stato riorganizzato.

Un’ora e mezza prima dell’inizio dell’incontro, davanti al teatro saranno distribuiti dei tagliandi fino a esaurimento dei posti. Ogni persona potrà ritirare al massimo due tagliandi. I tagliandi garantiranno l’accesso all’incontro, ma non daranno alcun ordine di priorità. Una volta ritirato il tagliando, si può restare in coda (per avere accesso ai posti migliori) oppure andar via e tornare tassativamente venti minuti prima dell’inizio dell’incontro. Un’altra fila sarà riservata alle persone che non sono riuscite a prendere il tagliando e che comunque vogliono aspettare per vedere se all’ultimo minuto si liberano dei posti. Donne incinte e diversamente abili avranno come sempre un accesso prioritario. Gli incontri principali saranno trasmessi su un maxischermo in piazza Castello.

Le copertine di Internazionale

foto: Internazionale

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.