• Mondo
  • mercoledì 3 agosto 2011

Si apre il processo contro Mubarak

L'ex presidente è arrivato al Cairo, ci sono già stati scontri tra i manifestanti e con la polizia

Si apre stamattina al Cairo il processo contro l’ex presidente Hosni Mubarak, destituito dalle rivolte popolari lo scorso febbraio e agli arresti nell’ospedale di Sharm El-Sheikh. Mubarak è accusato di tentato omicidio dei dimostranti durante le proteste, di aver ordinato alla polizia repressioni violente e di sparare sulla folla, di aver acquistato a prezzi di privilegio e stracciati quattro ville e altre proprietà a Sharm El-Sheikh, di avere abusato della sua autorità per fare ottenere affari e favori all’imprenditore Hussein Salem, suo socio in affari, in particolare rispetto alla vendita del gas naturale egiziano.

Mubarak, che ha 83 anni, ha lasciato stamattina l’ospedale dove è ricoverato per successivi peggioramenti delle sue condizioni di salute i cui dettagli in questi mesi sono stati piuttosto confusi, per arrivare in aereo al Cairo in una base militare da cui un elicottero lo ha portato all’accademia di polizia dove si terrà il processo. Lo attendevano molti manifestanti: i timori che il processo non sia corretto e severo ha rilanciato le proteste nelle settimane scorse, ma due giorni fa la polizia ha rimosso la nuova occupazione di piazza Tahrir. Stamattina si sono già segnalati degli scontri con la polizia davanti all’accdemia, dove si trovano anche dei manifestanti con striscioni a favore di Mubarak che avrebbero lanciato delle pietre contro i suoi contestatori.

Il processo riguarda anche i figli di Mubarak Alaa e Gamal, accusati sulle ville a Sharm El-Sheikh, e Hussein Salem.

La diretta video di Al Jazeera

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.