Cicchitto, le palline bianche e le palline nere

Il PdL oggi commenta ancora il voto di ieri sulla richiesta di arresto di Papa e lamenta che, rendendo riconoscibile il proprio voto favorevole, l’opposizione abbia vanificato il voto segreto.

«Le parole di Franceschini sono la testimonianza evidente che su Papa non c’è stato voto segreto, e che ci sarebbero gli estremi per invalidare quella votazione. Deve esserci garanzia di un voto segreto, non la parodia di un voto segreto. Senza una procedura che garantisca davvero la segretezza del voto, ritireremo la nostra adesione al meccanismo di voto con il sistema elettronico e con le impronte digitali», ha concluso Cicchitto. «È evidente che l’attuale sistema con procedimento elettronico non è in grado di tutelare di fatto la segretezza del voto dei parlamentari e, di conseguenza, a tal fine è opportuno utilizzare un altro sistema, per esempio, quello delle palline bianche e nere da depositare nell’urna, magari all’interno di cabine mobili»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.