• Media
  • giovedì 14 Luglio 2011

L’udienza di martedì a Londra

Il confronto tra Murdoch e la commissione parlamentare britannica che indaga sullo scandalo dei tabloid continua

Aggiornamento 17.42: Secondo l’agenzia di stampa Reuters, News Corp avrebbe annunciato che Rupert Murdoch e il figlio James si presenteranno all’udienza parlamentare prevista a Londra martedì prossimo.

L’esito della convocazione davanti alla commissione parlamentare di Rupert Murdoch, suo figlio James e Rebekah Brooks, capo di News International, sta diventando sempre più misterioso, dopo che la richiesta aveva messo in fibrillazione mezzo paese in attesa di uno showdown tra quelli che sono sempre più ampiamente visti come i “cattivi” e i loro giudici politici.

La Commissione Cultura, Media e Sport della Camera dei Comuni aveva ascoltato lunedì i responsabili della polizia in un confronto già piuttosto teso trasmesso in diretta dalla BBC, e aveva poi invitato a comparire i tre responsabili di News International per il giorno di martedì prossimo. Dapprima era sembrato che l’invito fosse stato accolto, ma successivamente i Murdoch hanno fatto sapere che non si sarebbero presentati, ognuno con una sua lettera. Rupert ha scritto:

«Purtroppo non mi è possibile partecipare alla seduta che avete fissato per martedì prossimo. In ogni caso sono del tutto pronto a testimoniare alla futura inchiesta della magistratura e ne darò comunicazione a chi la guiderà. Detto questo, sarò lieto di discutere con voi il modo migliore per collaborare con la vostra commissione.»

La Commissione ha richiesto formalmente la presenza dei due Murdoch, ma non è chiaro come potrà obbligarli a presenziare poiché non sono cittadini britannici. Rebekah Brooks, l’unica dei tre a essere cittadina britannica, era la sola che rischiava un ordine coercitivo a comparire, e ha scritto che martedì si presenterà pur anticipando di ritenere inopportuno di rispondere su domande che possano entrare in conflitto con le indagini di polizia in corso. Ma come si muoverà la commissione con Murdoch non è chiaro, neppure ai membri che la compongono: il capo della commissione John Whittingdale ha ammesso stamattina che la situazione non ha precedenti che aiutino, mentre alcuni hanno ipotizzato che sia possibile teoricamente un ordine di arresto per Murdoch per “oltraggio al parlamento” se rifiutasse ancora di comparire. E intanto oggi il vice primo ministro Nick Clegg aveva dichiarato che si aspetta che i tre decidano di presentarsi: «Facciano una cosa decente».

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali