• Mondo
  • venerdì 27 maggio 2011

Il sindaco di New York chiede i matrimoni gay

«La quasi uguaglianza non è uguaglianza», ha detto Bloomberg

Ieri il sindaco di New York, Michael Bloomberg, ha chiesto una nuova legge per consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso. «È arrivato il momento di consentire a milioni di uomini e donne di diventare pienamente membri della famiglia americana, dobbiamo continuare il cammino iniziato dai nostri padri fondatori». Durante il suo discorso alla università Cooper Union di Manhattan, Bloomberg ha ricordato Stonewall, il locale di New York che nel 1969 vide nascere la prima resistenza gay alle vessazioni della polizia, e nel cui anniversario si celebra ogni anno il gay pride.

Il sindaco di New York ha parlato sull’altro lato della strada di Manhattan in cui oltre 150 anni fa Abraham Lincoln tenne uno storico discorso contro la schiavitù che gli guadagnò il consenso dei leader repubblicani e favorì la sua candidatura alle elezioni presidenziali. «Oggi la maggioranza degli americani è a favore del matrimonio gay e sempre di più le persone giovani tendono a vedere il matrimonio gay come negli anni Sessanta si vedevano i diritti civili», ha aggiunto Bloomberg «La prossima grande barriera della nostra generazione è il divieto sui matrimoni gay. Non è una questione di se, è una questione di quando».

Durante la sua prima campagna elettorale Bloomberg non si era mai pronunciato apertamente sul tema del matrimonio gay. Soltanto con la sua ricandidatura nel 2005 decise di prendere una netta posizione in favore. «Quando incontro un newyorkese che è gay o quando parlo con i membri del mio staff che sono gay non riesco a dirgli che lo stato di New York si sta comportando bene con loro», ha spiegato ieri. «Quando guardo mia nipote negli occhi, Rachel, non riesco a dirle che è giusto che il suo stato non le consenta di sposarsi. Le unioni civili non sono abbastanza. Nella nostra democrazia, la quasi uguaglianza non è uguaglianza». Il senato dello stato di New York aveva respinto una proposta di legge sui matrimoni gay nel 2009.

– Aggredito perché gay, nel locale gay più famoso del mondo
– Perché si fa il gay pride

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.