• Sport
  • mercoledì 4 Maggio 2011

Il Barcellona è in finale

Finisce 1-1 la partita di Champions League che tutti avremmo voluto vedere la settimana scorsa

Il Barcellona e il Real Madrid ieri sera hanno pareggiato uno a uno: un risultato che, a causa del 2-0 della settimana scorsa, permette ai primi di qualificarsi alla finale di Champions League che si terrà il prossimo 28 maggio nel nuovo stadio di Wembley, a Londra. È stata però una partita completamente diversa da quella della settimana scorsa, fortunatamente.

Il Barcellona recupera Iniesta, il Real Madrid molla lo schieramento difensivista dell’andata, schiera in attacco Cristiano Ronaldo, Kaka, Di Maria e Higuain e comincia fortissimo. La squadra di Mourinho – squalificato, guarda la partita in albergo – fa pressing a tutto campo con intensità e aggressività, impedisce al Barcellona di fare possesso palla, trasforma i primi dieci minuti in un arrembaggio. Senza riuscire mai a tirare in porta, però. Poi la partita rientra su binari più normali, col Barcellona a controllare il gioco e il Real Madrid a tentare di ripartire in contropiede. Ne viene fuori una bella partita, molto intensa, nervosa ma mai eccessivamente scorretta. Il Barcellona passa in vantaggio nel secondo tempo con Pedro, dopo esserci andato vicino altre volte. Il Real Madrid pareggia pochi minuti dopo con Marcelo, dopo un palo di Di Maria. Il resto è arrembaggio confuso da parte del Real Madrid e Barcellona che controlla senza troppi problemi, dimostrando di essere indubbiamente una squadra di livello superiore. Alla fine della partita, boato del pubblico e standing ovation per il terzino francese Eric Abidal: operato di tumore al fegato un mese e mezzo fa, ieri tornato in campo per qualche minuto.

foto: JOSEP LAGO/AFP/Getty Images