• Mondo
  • martedì 3 Maggio 2011

In Canada vincono i conservatori

Il premier Harper vince di nuovo e stavolta ottiene la maggioranza assoluta dei seggi

Il partito liberale, storico partito di centrosinistra, ha ottenuto la peggiore sconfitta della sua storia

Il partito conservatore del primo ministro uscente Stephen Harper ha vinto le elezioni in Canada conquistando la maggioranza del seggi parlamentari, 167 su 308. Al secondo posto i Nuovi democratici, il partito centrista che sembrava potesse contribuire a scalzare Harper dal governo. Soltanto terzi i liberali di Michael Ignatieff. Lo spoglio è ancora in corso ma nella sua fase avanzata: se i risultati saranno confermati, Harper guiderà per la prima volta un governo di maggioranza.

Dal 2006, infatti, Stephen Harper ha guidato due governi conservatori di minoranza. Harper era stato costretto alle elezioni anticipate proprio da un voto di sfiducia in Parlamento. Questa elezione gli concede più margine di manovra e modifica radicalmente il profilo dell’opposizione, col sorpasso dei Nuovi democratici ai danni dello storico partito liberale. Risultati deludenti anche per il partito separatista del Quebec, che negli ultimi vent’anni aveva ottenuto molti consensi nella regione francofona: conquista solo tre seggi, non riuscirà nemmeno a costituire un gruppo parlamentare.

Le dimensioni della vittoria dei conservatori sono piuttosto sorprendenti: alla vigilia, la lettura dei sondaggi suggeriva la crescita nei consensi dei Nuovi democratici come una minaccia ai conservatori più che ai liberali, che hanno dominato la politica canadese nel secolo scorso ma si trovano ora a fare i conti con la loro peggiore sconfitta di tutti i tempi. Secondo Lee Carter, corrispondente della BBC da Toronto, sarà molto interessante vedere come cambierà l’opposizione nei prossimi mesi: i liberali e i Nuovi democratici saranno probabilmente chiamati a unire i loro sforzi e formare una coalizione di centrosinistra.

foto: Mike Ridewood/Getty Images