• Mondo
  • venerdì 22 aprile 2011

Il Giappone comincia con 4000 miliardi di yen

Ieri il governo ha approvato una legge finanziaria straordinaria per la ricostruzione, ma è solo l'inizio: serviranno oltre 1200 miliardi

Il governo giapponese ha approvato una legge finanziaria straordinaria che stanzia 4000 miliardi di yen, 33,6 miliardi di euro, per la ricostruzione delle aree colpite dal terremoto e dallo tsunami del mese scorso. È stato creato un fondo per pagare la rimozione delle macerie, la costruzione di alloggi temporanei, il finanziamento di prestiti alle piccole e medie imprese, la ricostruzione di strade, fabbriche, aeroporti e scuole. Il primo ministro giapponese, Naoto Kan, ha detto che la sfida che aspetta il suo paese è paragonabile a quella successiva alla Seconda guerra mondiale.

Le devastazioni lasciate dal disastro dell’11 marzo, ha detto Naoto Kan, danno al Giappone l’opportunità di costruire «un futuro nuovo e migliore». I soldi stanziati ieri comunque, non copriranno che una frazione della somma totale che servirà a rimettere in piedi il paese. Il viceministro delle Finanze, Mitsuru Sakurai, ha detto che la cifra totale dei soldi necessari potrebbe superare i 12000 miliardi di yen. Il terremoto e lo tsunami in Giappone sono stati il più costoso disastro naturale della storia.

foto: YOSHIKAZU TSUNO/AFP/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.