L’orca neonata di Antibes

La madre è stata fecondata artificialmente, il padre vive a San Diego

Il piccolo è una femmina e non ha ancora un nome

Il 16 marzo scorso è nata un’orca nel parco acquatico di Marineland ad Antibes, nel sud della Francia. Il cucciolo è lungo due metri e pesa 150 chili ed è uno dei rarissimi casi di orche concepite con la fecondazione artificiale, il primo in Europa. Il padre si chiama Ulysse e vive nel parco acquatico SeaWord di San Diego, mentre la madre si chiama Wikie, ha dieci anni e vive nel parco di Antibes. La piccola orca, che non ha ancora un nome ed è nata dopo diciotto mesi di gravidanza, ha superato il primo mese di vita che è particolarmente delicato e pericoloso. In queste foto nuota con la sua mamma e gioca con un’addestratrice a Marineland.

Il concepimento della piccola orca è stato reso possibile dopo dieci anni di studi da parte dei ricercatori del parco acquatico di Antibes. Sono stati necessari diversi mesi per addestrare la mamma orca ad accettare l’inseminazione artificiale. In genere è necessaria una dose di circa due milioni di spermatozoi per far restare un’orca incinta, ma nel caso di Wikie ci sono volute ben quattro dosi. Il processo di inseminazione richiede in media un’ora di tempo.

Le orche iniziano ad avere figli tra i 14 e i 15 anni e continuano fino ai 40; in genere partoriscono un singolo cucciolo ogni tre anni. I piccolo vengono allattati almeno fino al sesto anno di vita, delle volte anche oltre un anno. Una volta cresciuti, gli esemplari maschi possono arrivare a pesare anche dieci tonnellate.