• Mondo
  • venerdì 15 Aprile 2011

«Non sono un pedofilo, era un gioco»

L'ex vescovo Vangheluwe ha ammesso di avere abusato di due bambini durante un'intervista in tv

«Non ho mai avuto l'impressione che mio nipote non volesse, anzi. Non si è mai trattato di sesso brutale»

L’ex vescovo belga Roger Vangheluwe – che l’anno scorso era stato costretto a dare le dimissioni in seguito alle accuse di pedofilia – ha ammesso durante una diretta televisiva di avere abusato di due ragazzini, ma ha detto di non considerarsi un pedofilo. «Non mi considero un pedofilo. Non ho mai avuto l’impressione che mio nipote non volesse, anzi. Non si è mai trattato di sesso brutale».

Vangheluwe, che oggi ha 74 anni, era stato accusato di avere abusato per tredici anni di suo nipote e di un altro bambino. Durante l’intervista al canale fiammingo VT4, ha ammesso di avere sbagliato ma ha voluto precisare che non si è trattato di pedofilia: «Non aveva niente a che fare col sesso», ha detto «non è stato niente di più di un momento di intimità». E quando il conduttore gli ha chiesto di descrivere come fosse iniziato, ha risposto: «Come in tutte le famiglie. Quando venivano a trovarmi, i miei nipoti dormivano con me. È cominciato come un semplice gioco con i bambini. Non c’è mai stato nessuno stupro».

Le dichiarazioni dell’ex vescovo hanno scatenato molte polemiche in Belgio, dove negli ultimi anni la Chiesa Cattolica è stata ripetutamente travolta dagli scandali sui preti pedofili. Il maggiore quotidiano del Belgio, Le Soir, riporta le indignazioni arrivate da moltissime parti. «Vorrei sapere che cos’è per lui sesso brutale», ha commentato l’avvocato del nipote. «La Chiesa deve fermare il comportamento irresponsabile del suo ex vescovo», ha detto il ministro della Giustizia Stefaan De Clercq «è uno schiaffo in faccia alle sue vittime e a tutte le vittime». La Conferenza dei Vescovi del Belgio ha rifiutato di commentare l’episodio. Vangheluwe non potrà essere processato perché i reati di cui è accusato sono già caduti in prescrizione.