• Mondo
  • giovedì 24 marzo 2011

Il golpe in Argentina, 35 anni fa

Trentacinque anni fa Isabelita Perón fu deposta dalla giunta militare del generale Videla

Tra il 1976 e il 1983 in Argentina scomparvero trentamila dissidenti, o sospettati tali

Oggi è il trentacinquesimo anniversario del colpo di stato in Argentina. Il 24 marzo 1976 il generale Jorge Videla sospese la Costituzione e assunse la presidenza del Paese attraverso la formazione e la direzione di una Giunta militare. Il presidente Isabel Martínez de Perón, moglie dell’ex presidente argentino Juan Domingo Perón, fu deposta e arrestata dall’esercito. Da quel giorno, per oltre sette anni, il regime argentino mise in atto un feroce programma di repressione di tutti gli oppositori. Più di duemila persone morirono e più di trentamila scomparvero nel nulla.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.