• Mondo
  • sabato 26 febbraio 2011

Al centro del terremoto, le foto di Lyttleton

Le foto della cittadina neozelandese di Lyttelton, la più vicina all'epicentro

Lyttelton è una tranquilla cittadina portuale della Nuova Zelanda, si trova a una dozzina di chilometri da Christchurch sulla costa orientale dell’Isola del Sud e lo scorso martedì è stato il centro abitato più vicino all’epicentro del forte terremoto che ha scosso l’isola, causando la morte di almeno 145 persone. Nick Bryant della BBC ha raggiunto Lyttelton per preparare un reportage sugli effetti del sisma e ha trovato una città semidistrutta con edifici spezzati a metà, strade interrotte e macerie ovunque.

Molte delle case caratteristiche in stile vittoriano sono state pesantemente danneggiate e dovranno essere demolite. Il porto ha invece subito meno danni, nonostante la vicinanza di Lyttelton all’epicentro del terremoto che ha raggiunto magnitudo 6,3. La scossa più intensa si è verificata poco prima dell’una, quando i bar e i ristoranti della città erano pieni per l’ora di pranzo. I locali sono stati rapidamente evacuati senza particolari problemi o contrattempi. In tutta la cittadina non si è registrato nemmeno un decesso dovuto al terremoto, un dato che sembra incredibile se si osservano le fotografie che testimoniano il livello di distruzione portato dalla scossa.

Il maggior numero di vittime è stato registrato a Christchurch. Le autorità parlano di 145 morti, ma il bilancio è ancora provvisorio perché le operazioni di recupero dei corpi sotto le macerie è ancora in corso. Il timore è che il numero complessivo delle vittime possa arrivare a 200. Un edificio su quattro del centro città è stato dichiarato inagibile, almeno 60mila persone sono ancora senza acqua e 100mila persone senza sistema fognario. La corrente elettrica è stata invece ripristinata in buona parte della città.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.