• Scienza
  • mercoledì 9 febbraio 2011

I dieci migliori video di Human Planet

Nei filmati della BBC ci sono tremila renne che nuotano, scimmie che rubano i raccolti e un tizio che scala un albero di 40 metri per il miele

Human Planet è una serie di documentari realizzata dalla BBC per raccontare il rapporto tra la nostra specie e gli habitat che abbiamo popolato nel corso dei millenni e della nostra evoluzione. Per circa due anni, le troupe della BBC hanno raccolto e filmato 70 storie emblematiche del nostro rapporto con il mondo in 40 diversi paesi. La bellezza di questi documentari non è data solamente dalle storie molto interessanti scelte dagli autori del programma, ma anche dalla qualità delle immagini e dalle scene strabilianti filmate in presa diretta, spesso in condizioni molto difficili: in cima a un albero secolare, nel bel mezzo di un lago di fango o nelle acque gelide dell’Artico.

In Gran Bretagna, Human Planet è iniziato lo scorso 13 gennaio e sono stati già trasmessi quattro degli otto episodi preparati dalla BBC. Qui al Post abbiamo deciso di proporvi i dieci migliori spezzoni fino a ora messi a disposizione online.

Lassù, per raccogliere il miele

Un membro della tribù dei Bayaka, che vivono nella Repubblica Centrafricana, si arrampica su un albero alto una quarantina di metri per recuperare del miele, che servirà per sfamare la sua famiglia. L’impresa non è per nulla semplice: ci sono da affrontare l’altezza, senza particolari sostegni di sicurezza, la difficoltà della salita lungo la corteccia e la furia delle api, che non rinunciano al loro miele.

Tremila renne

Elle-Helene è una ragazzina, vive nell’area settentrionale della Norvegia e si dà da fare per aiutare le 3.000 renne dell’allevamento di famiglia a superare un corso d’acqua lungo due chilometri per raggiungere un nuovo pascolo.

1 2 3 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.