• Mondo
  • venerdì 4 febbraio 2011

Piovono pietre

Gli scontri del Cairo sono stati una guerra di sassate in testa e copricapo improvvisati

Le cronache ininterrotte dalla rivolta egiziana hanno preso un’altra piega nelle ultime 48 ore, con l’inizio della sanguinosa battaglia tra sostenitori del regime e dimostranti anti Mubarak. E anche le immagini di quel che avveniva sono cambiate: dove prima vedevamo come soggetti protagonisti le sagome dei carri armati e le folle in piazza Tahrir, ci siamo trovati davanti prima all’esotico e violento irrompere dei cammelli su schermi e teleschermi e poi a teste sanguinanti e fasciate, e ad una anacronistica battaglia di sassate (su cui riflettere, a fronte del tema delle rivoluzioni di Twitter) che ha generato scudi e difese improvvisate, e caschi e copricapo di varia e creativa natura.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.