• Mondo
  • domenica 16 gennaio 2011

Il virus informatico che ha sabotato il nucleare iraniano

Un lungo articolo sul New York Times racconta la storia di Stuxnet, il worm messo a punto da Israele e Stati Uniti

Secondo il New York Times, Israele avrebbe testato un virus informatico – un worm, per essere precisi – che avrebbe effettivamente sabotato la centrifughe delle centrali nucleari iraniane, rallentando così la sua strada verso lo sviluppo della bomba atomica.

La notizia era già trapelata, qualche mese fa: nel corso di un attacco informatico il virus Stuxnet avrebbe infettato circa 30mila computer in Iran, bloccando parte delle operazioni nella centrale di Bushehr e costringendo le autorità a rinviare l’avvio dell’impianto. L’articolo è molto lungo è stato pubblicato ieri e approfondisce molto la questione. In sostanza, il quotidiano statunitense sostiene che uno sforzo congiunto da parte degli Stati Uniti e di Israele abbia portato al test di questo worm, Stuxnet, al quale le due intelligence stavano lavorando da anni, e soprattutto che questo test abbia avuto grandi e incisivi risultati.

Il virus in questione sarebbe, secondo il New York Times, la più sofisticata arma informata mai creata, nonché il più importante strumento in mano a Israele e Stati Uniti per ostacolare lo sviluppo nucleare iraniano. Nei mesi scorsi il presidente Ahmadinejad aveva ammesso di aver subito un attacco informatico ma aveva sostenuto che i problemi erano stati superati, ribadendo nuovamente che non è intenzione del regime costruire una bomba atomica. Meir Dagan, capo del Mossad prossimo alla pensione, ha dichiarato recentemente che il programma nucleare iraniano attraversa una fase di difficoltà e che il regime non sarà in grado di costruire una bomba atomica prima del 2015. Il segretario di stato americano, Hillary Clinton, non ha smentito le parole di Dagan, ma nessuno dei due ha fatto riferimento al ruolo del virus Stuxnet.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.