E questo video l’hai visto? E questo?

YouTube Trends racconta ogni giorno quali sono i filmati di maggiore successo del momento e aiuta a scoprirne di nuovi

Un tizio in Russia qualche decina di anni fa si mette a cantare un motivetto orecchiabile che fa Trololololo. Poi un giorno il video di quell’improbabile esibizione finisce su YouTube, qualcuno la rilancia sul proprio blog e alla fine in Rete non si parla d’altro per settimane. I filmati caricati ogni giorno online sono, però, migliaia e non è sempre facile rimanere aggiornati sugli ultimi video di successo. Per dare una mano ai loro utenti, quelli di YouTube hanno deciso di creare YouTube Trends, una nuova serie di strumenti per scoprire i video che in breve tempo conquistano un crescente successo sul portale di condivisione dei filmati più utilizzato al mondo (35 ore di nuovi video caricati ogni minuto).

I nuovi strumenti messi a disposizione sono quattro e mirano a rendere più semplice la navigazione all’interno dei contenuti di maggior successo nel corso della giornata.

1. Trending Topics
È l’elenco degli argomenti più ricercati e visualizzati dagli utenti. Il calcolo viene effettuato attraverso una serie di algoritmi e i risultati compaiono nella barra laterale del nuovo blog YouTube Trends.

2. Blog
Alla ricerca automatica si affiancano i post sul blog di YouTube Trends con analisi e dettagli in più preparati dai responsabili del sito web. I post pubblicati ricordano in parte quelli realizzati da KnowYourMeme, il portale che tiene traccia dei trend legati a uno specifico meme online.

3. 4 alle 4
Ogni 12 ore questa sezione, presente nella testata del blog YouTube Trends, proporrà una selezione con i quattro video più discussi, visti e ricercati in Rete in un dato periodo di tempo.

4. Dashboard
Direttamente su YouTube è comparsa la sezione Trends Dashboard per personalizzare e affinare le proprie ricerche. Il sistema consente di isolare specifiche aree geografiche e di utilizzare altri parametri per vedere quali video sono stati più visti da una certa fascia di età di un certo genere. Puoi così scoprire che in India tra le ragazzine con una età compresa tra i 13 e i 17 anni va molto di moda il video “Taylor Swift is a pornstar?” e che il video più condiviso è “Pray” di Justin Bieber.

Il progetto non si ferma naturalmente qui, spiegano i responsabili di YouTube. Nei prossimi mesi, il sistema offrirà nuove opzioni e funzionalità per trovare con più facilità gli argomenti di attualità più rilevanti. Il sito per la condivisione dei video cerca da tempo di mettere in risalto non solo i contenuti più ricercarti, ma anche quelli di maggiore qualità o rilevanza per l’attualità e l’informazione. L’obiettivo è ambizioso, considerata la mole di filmati presenti sul sito. Una delle iniziative più promettenti, ma ancora poco seguite, rimane Citizentube, un blog sul quale vengono raccolti i video con le notizie dell’ultima ora da tutto il mondo prodotti dagli utenti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.