La scalata di Google Chrome

Google presenta il nuovo sistema operativo basato su Chrome e il primo computer senza disco fisso

Il Chrome Web Store vuole fare concorrenza diretta al già annunciato Mac App Store di Apple

Dopo l’apertura del suo servizio di ebook, ieri Google ha annunciato tre grosse novità legate a Chrome, il suo browser, con l’obiettivo di ottimizzarne, migliorarne e allargarne l’utilizzo.

Nuove funzioni per il browser
La nuova versione del browser porterà la “instant search” di Google direttamente all’interno della barra degli indirizzi di Chrome, insieme alla funzione di pre-caricamento delle pagine. Non solo i risultati si aggiorneranno automaticamente mentre si digitano le lettere nel campo di ricerca, ma il browser caricherà istantaneamente la pagina più visitata associata alla lettera inserita. Durante la presentazione ufficiale di ieri a San Francisco, per esempio, il ragazzo chiamato a mostrare le nuove funzioni del browser digita la lettera E nella barra degli indirizzi e Chrome carica automaticamente la pagina ESPN.com.

Il nuovo Google Chrome avrà anche un lettore PDF incorporato più potente, capace di caricare file più pesanti più velocemente. E sarà in grado di sfruttare al meglio le potenzialità della scheda grafica del computer, aprendo la strada al consumo di applicazioni video direttamente all’interno del browser.

Chrome Web Store
È un negozio virtuale per applicazioni scritte appositamente per il sistema operativo basato su Chrome. Per chi vive negli Stati Uniti è già possibile acquistare oltre cinquecento app che possono essere fruite all’interno del browser. Tra i primi partner che hanno sviluppato applicazioni per Chrome c’è il New York Times, Amazon e Electronic Arts/Pogo. È un servizio che vuole fare concorrenza diretta al già annunciato Mac App Store di Apple, il cui lancio dovrebbe avvenire il 13 dicembre.

Chrome OS
È forse la novità più rilevante tra quelle presentate ieri. Già annunciato in passato, il nuovo sistema operativo è basato sul browser Chrome e ottimizzato per il web. Si tratta di un sistema operativo cloud based, che consente di avere tutti i propri documenti, applicazioni e impostazioni salvati online invece che su disco fisso e potervi quindi accedere da qualsiasi postazione. Quello presentato ieri non è ancora la versione finale ma una versione pilota che verrà testata da utenti selezionati su netbook costruiti ad hoc. Il lancio ufficiale del sistema operativo arriverà solo a metà 2011 su portatili Acer e Samsung.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.