• TV
  • Questo articolo ha più di dodici anni

La tv è un’altra cosa

Per Aldo Grasso la querelle su Fini e Bersani "Vieni via con me" consegna definitivamente il programma allo scontro politico

La riflessione di Aldo Grasso sulle polemiche intorno agli ospiti politici a “Vieni via con me”, tolte le consuete esibite insofferenze personali, contiene un concetto elementare ma valido: non si sta più facendo “televisione” – nel senso dell’uso creativo e comunicativo del mezzo – neanche lì.

Il ceto medio riflessivo ha il suo nuovo Michele Santoro. Si chiama Fabio Fazio. Confortato dal successo della prima puntata, rincuorato dalla reale difficoltà in cui si trova il premier, incoraggiato da Loris Mazzetti, capostruttura di Raitre responsabile del programma (è capace di pensare la tv solo in termini ideologici, esattamente come Antonio Marano e Mauro Masi), Fazio ha deciso di invitare Gianfranco Fini e Pier Luigi Bersani alla prossima puntata di Vieni via con me. Staremo a vedere, ma il rischio che il programma prenda una connotazione tutta politica, tale da stravolgerne la natura, almeno così come ci era stato presentata, è forte. In un’atmosfera da martirio mediatico, ricordiamo ancora le parole di Roberto Saviano a proposito del suo desiderio di sfidare il mezzo televisivo, di confrontarsi con una nuova scrittura dove gli ospiti avrebbero dovuto funzionare da punteggiatura e i movimenti di scena da predicati verbali. Tutto finito, tutto sacrificato sull’altare dell’audience e sull’opportunità di cavalcare l’occasione. Forse insperata. Basta confrontare i commenti del giorno dopo la messa in onda del programma: erano tutti di carattere squisitamente politico, a ben pochi interessava la riuscita del programma.

(continua a leggere sul sito del Corriere della Sera)