• Italia
  • lunedì 20 Settembre 2010

“Discutiamo e stiamo uniti”

Veltroni scrive a Repubblica e risponde ad alcune delle critiche rivolte a lui e al suo documento

Walter Veltroni scrive una lunga lettera a Repubblica, per rispondere alle principali critiche che gli sono state rivolte in questi giorni riguardo il documento da lui promosso e firmato da 75 parlamentari. Veltroni si difende soprattutto dalle accuse di voler dividere il partito, di aver fatto un favore a Berlusconi e di aver architettato l’intera operazione per promuovere una sua candidatura, ma non dedica nemmeno una parola a un’altra osservazione molto diffusa, da parte di chi gli chiedeva perché il suo modello di PD, già fallimentare una volta, stavolta dovrebbe funzionare.

Caro Direttore, ho letto in un articolo del suo giornale che, secondo i soliti anonimi bene informati (sicuramente esistenti), in realtà il documento firmato da 75 parlamentari del Pd altro non sarebbe che un mio diabolico disegno per diventare il cosiddetto “Papa straniero” che il suo giornale ha indicato come possibilità per dare più forza al centrosinistra e del quale hanno parlato diversi dirigenti del Pd.

Io stesso vi ho fatto riferimento, a Repubblica tv, sostenendo, come Anna Finocchiaro, che non si debba escludere, in caso di elezioni anticipate, di scegliere, come fu nel ’96, una persona della società civile che possa aggiungere apertura e consenso al centrosinistra. Tutto qui. Aggiungo che penso dovremmo smetterla tutti di parlare solo di nomi e di persone, tutte con le loro legittime aspirazioni, visto che Berlusconi è ancora lì e che il rischio peggiore per il paese è che ci resti, coltivando, con l’arroganza della debolezza, i suoi progetti di sfarinamento di una autentica vita democratica. Il primo obiettivo è, per tutti, farlo dimettere al più presto. Ma il secondo è costruire una credibile alleanza riformista, che cambi radicalmente questo paese malato. Questo è il senso del documento che nasce dalla preoccupazione – e dalla constatazione – che, all’auspicato tramonto del berlusconismo non corrisponda l’alba, come sarebbe naturale in tutti i paese europei, di un nuovo ciclo, questa volta davvero riformista. Un tempo inedito per l’Italia, in cui si possa spezzare la continuità gattopardesca della sua storia politica, e sfidare tutti i conservatorismi per introdurre innovazione , cultura delle opportunità e spirito di solidarietà in questo sfibrato paese.

Ma no, queste sono balle. Avremmo fatto tutto questo perché io vorrei essere il “Papa straniero”. Chi spiffera queste fesserie applica agli altri il proprio modo di ragionare. Voglio essere chiaro. Sono oggi uno dei pochi dirigenti del Pd che non ha incarichi. Non li ho chiesti, non mi sono stati proposti. Ho solo domandato di andare, come semplice componente, nella commissione antimafia per fare un lavoro difficile, bello, esposto. E spero di aver dato insieme agli altri, in questi mesi, un certo contributo a far tornare il tema della legalità, legato anche alla indispensabile ricerca della verità sulle stragi e sui misteri italiani , in cima all’agenda del centrosinistra.

(continua a leggere su Repubblica)