Il nuovo Internet Explorer 9

Microsoft svela la nuova edizione del suo browser che "scompare" nel sistema operativo e promette più velocità e stabilità

Internet Explorer 9, il nuovo broswer di Microsoft, è un programma per navigare online che non si vede. La nuova edizione del browser, giù disponibile per il download in versione beta (dunque di prova), è stata messa a disposizione degli utenti da poche ore e offre una valida anteprima delle funzionalità del programma con il quale Microsoft conta di arginare la crescita dei concorrenti come Firefox, Chrome, Safari e Opera.

Interfaccia a scomparsa
L’aspetto grafico di IE9 è totalmente integrato in quello di Windows. Ciò significa che il browser assomiglia a qualsiasi altra finestra del sistema operativo. Non ci sono particolari icone distintive e la dimensione stessa delle barre degli strumenti e degli indirizzi è stata ridotta per mettere maggiormente in risalto le pagine. In pratica, il nuovo IE9 è una cornice, minimale, all’interno della quale prendono vita i siti web e i servizi online, dalla posta elettronica alle applicazioni per la produttività in Rete. In questo, il nuovo browser ricorda molto Chrome, il programma per navigare online lanciato da Google due anni fa, ma la maggiore integrazione nella grafica di Windows rende IE9 ancora più “a scomparsa”.

Notifiche
Con il nuovo IE9 non ci saranno più le finestre a comparsa per gli avvisi di sicurezza e le notifiche. Queste informazioni compaiono ora in una barra al fondo della finestra del browser. Oltre a essere meno invasive, le nuove notifiche permettono di proseguire la navigazione, senza dover interrompere il proprio lavoro per rispondere immediatamente alle opzioni offerte dal browser.

Download
Imitando anche in questo caso Chrome, il medesimo concetto delle notifiche non invasive è stato applicato per la gestione dei dati da scaricare sul proprio computer. Quando si seleziona un file per il download, al fondo della finestra del browser compare un avviso che consente di avviare lo scaricamento del file. C’è anche un gestore separato dei download che consente di visualizzare in un’unica finestra i file già scaricati e la loro posizione nel computer.

Tab
Le schede delle singole pagine aperte compaiono sulla destra della barra degli indirizzi e non al di sotto. Ciò consente di risparmiare spazio e di visualizzare un maggior numero di pixel, riducendo così lo scrolling verticale sulle singole pagine.

Cerca qui
Seguendo l’innovazione introdotta da Chrome un paio di anni fa, gli sviluppatori di Microsoft hanno deciso di realizzare una barra degli indirizzi multifunzione nel nuovo IE9. Ciò significa che nel medesimo spazio in cui si inseriscono le URL, gli indirizzi, dei siti web si possono anche inserire le chiavi di ricerca per trovare i contenuti online. Il motore di ricerca predefinito è Bing, quello gestito direttamente da Microsoft, ma può essere cambiato attraverso le impostazioni del browser.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.