• Cultura
  • lunedì 13 settembre 2010

25 anni di Super Mario Bros.

Il 13 settembre del 1985 un idraulico iniziò la sua avventura per salvare una principessa e fece vendere 40 milioni di videogiochi

Super Mario Bros. compie 25 anni. Il videogame fu messo in vendita il 13 settembre del 1985 e per una ventina di anni è stato il videogioco più venduto al mondo, prima di essere sorpassato da Wii Sports, un altro gioco prodotto dalla casa di videogiochi giapponese Nintendo.

Mario, il protagonista del videogame, comparve per la prima volta nel 1981 nel titolo Donkey Kong da una idea di Shigeru Miyamoto. Inizialmente, Mario si chiamava Jumpaman ed era un carpentiere e non un idraulico di origini italiane. Nel 1983 ottenne un videogioco tutto per sé, Mario Bros., nel quale compariva anche il fratello Luigi. Il successo del titolo portò Nintendo a progettare un seguito più ricco e ambientato in un mondo fantasy pieno zeppo di tartarughe, funghi mortali e piante carnivore. Così nel 1985 Mario divenne Super e negli anni arrivò a vendere oltre 40 milioni di copie del videogioco.

Parte del successo del videogioco è anche dovuta alla colonna sonora di Super Mario Bros. Fu composta da Kojio Kondo e rischiò di non essere compresa nel videogioco. I responsabili di Nintendo volevano una musichetta che si fondesse alla perfezione con i salti e le azioni di Mario sullo schermo e con gli effetti sonori. Inizialmente il brano era lento e poco adatto, così Kondo decise di accelerarlo seguendo il tempo della partita.

Reputato uno dei migliori brani per la colonna sonora di un videogioco, il “Ground Theme” di Super Mario Bros. ha ispirato nel tempo artisti, musicisti e semplici appassionati, che hanno cercato di riprodurre la musica del videogioco nei modo più svariati. Altri ancora si sono concentrati sui movimenti di Mario.

Basta dare un’occhiata su YouTube per trovare decine di video ispirati al videogioco. Ne abbiamo selezionati dieci per festeggiare i 25 anni di Super Mario Bros.
https://www.youtube.com/watch?v=UJMepmfOgU0

1 2 3 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.