• Italia
  • sabato 11 settembre 2010

Il simbolo della Lega nelle scuole di Adro

Nel complesso "Gianfranco Miglio" della cittadina bresciana si fanno prove di Balilla

Adro, in provincia di Brescia, e le sue scuole avevano fatto notizia ad aprile di quest’anno quando alcuni bambini figli di genitori stranieri erano stati esclusi dalla mensa scolastica per non aver pagato le rette che i loro genitori avevano dichiarato di non potersi permettere o di avere pagato in ritardo. Ne erano seguite polemiche e una forte adesione alla scelta dell’esclusione dei bambini da parte di molti dei genitori in regola con i pagamenti.

Adesso stanno girando in rete alcuni video relativi al nuovo polo scolastico di Adro intitolato all'”ideologo” della Lega Nord Gianfranco Miglio (morto nel 2001), che evidenziano un’inclinazione all’indottrinamento subliminale dei bambini tipica di regimi autoritari e che potrebbero far temere che i passi successivi siano le divise verdi e i canti della Lega in classe, senza esagerare. Tutta la scuola è infatti disseminata di simboli della Lega – il cosiddetto “Sole delle alpi” – sui banchi, sulle vetrate, sui posacenere, sugli zerbini, sulle decorazioni, sulle comunicazioni di più vario genere. E se è vero che si tratta di un disegno quasi infantile diffuso in una scuola, è impossibile non fare una riflessione sul modello di educazione delle nuove generazioni che la Lega sta costruendo del Nord, che si avvicina ai culti della personalità cinesi o coreani (altri esempi non sono mancati in passato). La questione è stata posta su Facebook da un giovane che ha visitato la scuola e sta venendo molto raccolta in rete.

È opportuno che in un edificio scolastico pubblico vengano posti i simboli di un partito politico? E’ mai capitato a qualcuno di voi di entrare in una scuola e vedere dipinti sui banchi piccoli simboli di UDC, PDL, PD, IDV, sinistra o destra extraparlamentare? Falci e martelli, svastiche? Sono curioso: se visitaste un edificio scolastico i cui zerbini, i posacenere sui cestini dell’immondizia, ed ogni banco riportassero inciso in modo indelebile il simbolo della Lega Nord, quale sarebbe la vostra reazione?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.