• TV
  • giovedì 24 Giugno 2010

“Troppo spazio alla FIOM in tv”

Alcuni senatori del PD fanno una singolare lamentela a Sergio Zavoli, presidente della commissione di vigilanza RAI

Otto senatori del PD hanno scritto una lettera a Sergio Zavoli, presidente della commissione parlamentare di vigilanza sulla RAI, per lamentarsi dell’eccessiva – a parer loro – presenza della FIOM nei telegiornali di questi giorni, in relazione alla questione che coinvolge lo stabilimento FIAT di Pomigliano d’Arco. La singolarità della richiesta è stata notata da molti, non tanto per il suo merito – comunque discutibile – quanto perché probabilmente ci sarebbero trenta o quaranta ragioni migliori e più gravi di questa per cui i senatori del PD farebbero bene a lamentarsi con la commissione di vigilanza sulla Rai.

“Caro Presidente, è nostro dovere segnalarLe una palese mancanza di rispetto circa l’informazione sul mondo sindacale nella sua interezza da parte di tutti i principali telegiornali RAI e in particolare del TG3 nell’informare sull’accordo alla FIAT di Pomigliano. Uno spazio soverchiante è stato dedicato alle posizioni assunte dalla FIOM Cgil, senza alcun contraddittorio o riferimento a posizioni alternative, se non in misura irrilevante, assunte da altre componenti del sindacalismo che invece rappresentano la stragrande maggioranza dei lavoratori italiani e degli stessi dipendenti della FIAT di Pomigliano. Dispiace che, in un momento come quello attuale, segnato da una profonda crisi, i cittadini italiani, e dunque i lavoratori, non possano sempre contare su un’informazione il più possibile completa. Siamo sicuri che queste considerazioni troveranno ascolto in Lei, Presidente, maestro di un giornalismo corretto e imparziale”

La lettera è firmata dagli onorevoli Benedetto Adragna (primo firmatario), Emanuela Baio, Franca Biondelli, Carlo Chiurazzi, Lucio Alessio D’Ubaldo, Mariapia Garavaglia, Antonino Papania e Paolo Rossi.