Obsession for giaguaro

Il profumo Obsession for Men attira i giaguari e viene utilizzato dai ricercatori per studiarne il comportamento

Però è costoso e non è sempre facile da ritrovare, specie se si lavora nella giungla

Ai giaguari il profumo Charlie della Revlon non spiace, ma preferiscono di gran lunga Obsession for Men di Calvin Klein. Da qualche anno i ricercatori e i responsabili degli zoo lo usano per attirare i grandi felini e studiarne il comportamento, spiega Ellen Byron sul Wall Street Journal.

È iniziato tutto nel 2003, quando Pat Thomas – il responsabile dello zoo del Bronx (New York) della Wildlife Conservation Society – ha deciso di studiare le reazioni dei felini a una selezione di profumi comunemente in commercio. L’esperimento è stato condotto su due ghepardi ai quali sono stati sottoposti 24 profumi diversi per registrare il tempo richiesto dai felini per identificarli e raggiungerne la fonte e per valutare l’effetto dell’aroma sul comportamento degli animali.

Beautiful di Estée Lauder ha tenuto i ghepardi occupati per appena due secondi. Charlie della Revlon li ha intrattenuti per 15,5 secondi. L’Air du Temps di Nina Ricci è arrivato a 10,4 minuti. Ma il profumo Obsession for Men ha trionfato: 11,1 minuti. Un tempo più lungo di quello solitamente impiegato da questi animali per assaporare un pasto.

I risultati della ricerca di Thomas hanno incuriosito i responsabili di altri zoo che hanno iniziato a utilizzare i profumi per studiare il comportamento degli animali anche sul campo, dove non sono sempre facilmente rintracciabili. Roan Balas McNab fa sempre parte della Wildlife Conservation Society e studia i giaguari in una riserva del Guatemala. Utilizza il profumo di Calvin Klein dal 2007 per attirare i felini e valutare la popolazione di questi animali in un’area di oltre 20mila chilometri quadrati. Con il suo team di ricerca, McNab utilizza alcune fotocamere sensibili al calore piazzate lungo i percorsi che solitamente compiono gli animali nella giungla. Creando un diversivo che li intrattenga lungo il percorso, i ricercatori possono riconoscere i singoli giaguari a seconda della disposizione delle macchie sulla loro pelliccia. Ma fino a quando non si sono messi a usare i profumi una foto su tre era poco chiara e rendeva impossibile il riconoscimento dell’esemplare.

Grazie a un collega, McNab è infine venuto a conoscenza degli esperimenti di Thomas condotti a migliaia di chilometri di distanza dal Guatemala. Il ricercatore ha così spruzzato Obsession for Men in prossimità delle fotocamere sensibili al calore. I giaguari possono riconoscere un odore anche a un chilometro di distanza e si sono fatti facilmente attirare dall’esca odorosa. La permanenza degli animali nelle vicinanze dei rami irrorati con il profumo ha consentito ai ricercatori di ottenere immagini chiare e nitide della loro pelliccia per catalogare i diversi esemplari.

Oltre alla semplice catalogazione, il progetto sui giaguari ha consentito di fotografare alcuni rari rituali di accoppiamento mai osservati prima. Queste informazioni sono molto importanti perché consentono di farsi un’idea sull’effettivo comportamento dei giaguari nel loro habitat naturale.

Obsession for Men è uno dei dieci profumi per uomo più venduti al mondo e lo scorso anno ha fruttato alla società che lo produce oltre 85 milioni di dollari. Ann Gottlieb, che ha lavorato alla creazione del profumo, pensa che ai felini piaccia esattamente come agli uomini.

«Si tratta della combinazione tra questo cuore di vaniglia buona da leccare associata una fresca nota di verde: crea tensione. Accende la curiosità tra gli esseri umani e, apparentemente, anche tra gli animali.»

Nel corso dei prossimi mesi Obsession for Men sarà usato in altre aree coperte dalla Wildlife Conservation Society in Venezuela, Nicaragua, Bolivia, Peru ed Ecuador nell’ambito di un progetto per la tutela dei giaguari. Il problema rimane il prezzo del profumo, 60 dollari, e la difficoltà nel reperirlo nelle aree remote del pianeta dove serve davvero.