• Mondo
  • venerdì 4 Giugno 2010

7 cose da seguire oggi

1. Barack Obama torna in Louisiana per limitare le critiche di chi – ieri anche Spike Lee – lo accusa di mostrarsi troppo poco coinvolto e arrabbiato sul disastro del petrolio nel Golfo del Messico (ieri sera ha provato a dirsi “furious” da Larry King). Intanto BP ha provato a calare il coperchio sul tubo segato ieri e oggi si vedrà quanto tiene.

2.In Giappone si forma il nuovo governo con la scelta del successore di Hatoyama da parte del Partito Democratico. Lo guiderà l’ex ministro delle Finanze Naoto Kan che stamattina è stato eletto nuovo capo del partito.

3. Il primo ministro israeliano Netanyahu secondo alcune opinioni potrebbe alleggerire il blocco di Gaza, per fronteggiare il disastro di politica internazionale risultato dopo l’attacco alla nave turca Mavi Marmara e accettare le richieste americane in questo senso.

4. L’uragano Phet si avvicinerà oggi alle coste dell’Oman, ma le ultime previsioni lo indicano proseguire verso l’India e il Pakistan, dove Phet potrebbe arrivare domenica anche se più indebolito: decine di miglia di persone stanno venendo evacuate.

5. Si giocano le semifinali maschili al Roland Garros: da una parte Nadal contro l’austriaco Melzer, dall’altra lo svedese Soderling – che ha battuto Federer – contro il ceco Tomas Berdych.

6. Papa Benedetto XVI arriva a Cipro per una visita di tre giorni all’indomani dell’uccisione del vescovo Padovese in Turchia

7. Dopo che Rafael Benitez ha confermato ieri la sua partenza da Liverpool, l’allenatore spagnolo è dato come possibile sostituto di Mourinho all’Inter: se lo sarà, potrebbe essere annunciato presto.