• Mondo
  • lunedì 31 maggio 2010

Reykjavik ha un comico per sindaco

Jon Gnarr e il suo Best Party hanno vinto le elezioni comunali a Reykjavik

Il Best Party ha vinto le elezioni comunali a Reykjavik e quindi il suo leader Jon Gnarr – comico, conduttore radiofonico, attore – sarà il nuovo sindaco della capitale islandese. Il Best Party ha ottenuto il 34,7 per cento dei consensi, mentre i suoi avversari dell’Independence Party si sono fermati al 33,6 per cento.

Quello di Jon Gnarr – “il partito migliore” – è un partito piuttosto improbabile, candidatosi con un programma a metà tra il serio e il faceto promettendo treni elettrici e orsi polari allo zoo, palme sul lungomare e asciugamani gratis nelle piscine. In mezzo, il più classico dei messaggi anti-sistema e anti-politica: mandiamo a casa i politici, facciamo piazza pulita, sbarazziamoci di questi parassiti. L’Islanda è stata duramente colpita dalla crisi economica, e secondo il Wall Street Journal il successo del Best Party è direttamente collegato al collasso finanziario.

Prima della crisi finanziaria le banche islandesi erano cresciute in modo esponenziale per dieci anni, fino ad arrivare a un valore dieci volte superiore al prodotto interno lordo del Paese. Ma quando il sistema è collassato – insieme alla moneta nazionale, la Corona Islandese – gli effetti sono stati devastanti. La disoccupazione ora è al 9 per cento – una cifra mai vista nella storia dell’Islanda, che ha sempre avuto grande disponibilità di lavoro – e moltissime persone sono schiacciate da mutui due o tre volte superiori al valore della casa o della macchina che hanno comprato. A questo si aggiunge la rabbia per il provvedimento con cui il governo aveva approvato il rimborso di quasi 4 miliardi di euro a Gran Bretagna e Paesi Bassi, che avevano dovuto risarcire i clienti rimasti vittime del crack della banca islandese Icesave. Le misure sono state bocciate da un referendum popolare a gennaio e la questione è ancora in sospeso.

La campagna elettorale del Best Party ha visto un uso massiccio di internet e soprattutto di Youtube. Nel video più popolare della campagna, i candidati del Best Party cantano una loro versione della canzone di Tina Turner “Simply the best”.

Mostra commenti ( )