• Sport
  • giovedì 13 maggio 2010

Con la Roma, per il bene del paese

Endorsement: dieci ragioni per cui il Post appoggia lo scudetto ai giallorossi

È una cosa che nessun giornale ha mai fatto, nel timore di scontentare una parte dei suoi lettori. Ma al Post riteniamo di avere missioni e compiti che vanno oltre i numeri di pagine viste e le demagogie editoriali. Pensiamo di dover dire quello che pensiamo giusto, e pensiamo che su poche questioni – poche – le sfumature, i se e i ma, le riflessioni e le contestualizzazioni, scompaiano. Su poche cose, è o di qua o di là. Su poche cose, che succeda A o B significa qualcosa. E una di queste è il campionato di calcio del 2010. Mancano tre giorni alla fine, possono vincere solo due squadre, altre eventualità non ce ne sono. Vincerà una. E al Post pensiamo sia giusto spiegare perché è meglio per tutto il paese che quella una sia – sia… – la Roma. Una chance per i perdenti, i secondi, gli emarginati, gli umili, le donne: in una parola, il cambiamento. Consideratelo un endorsement.

Dieci ragioni per cui il Post appoggia lo scudetto della Roma.

1 – Il Paese ha bisogno di maggiore umiltà, non di una squadra invincibile che quattro anni fa “pretese” lo scudetto e lo ottiene da allora

2 – La rivalità tra interisti e juventini è l’ennesima contrapposizione in un paese diviso: è il momento di allentare, della terza forza (astenersi Nick Clegg)

3 – Tutti abbiamo almeno un interista a cui vogliamo bene, e sappiamo cosa lo aiuti a crescere: una occasionale delusione

4 – La vittoria degli sfavoriti è sempre – evangelicamente – più promettente (e appassionante)

5 – I lettori di Gad Lerner non ne possono più

6 – La Juve se lo merita, Claudio Ranieri che vince lo scudetto

7 – Solo una nuova canzone sulla Roma può riscuotere Antonello Venditti

8 – Di Ranieri abbiamo detto: poi ci sono Pizarro e Burdisso scartati dall’Inter, Brighi scartato dalla Juve, Toni scartato dal Bayern, Riise scartato dal Liverpool, Baptista scartato da mezza Europa, eccetera. E Julio Sergio, ex terzo portiere diventato fenomeno. La Roma che vince è la riscossa degli emarginati

9 – La prima donna presidente che vince uno scudetto

10 – Il Post è a Milano, e la mattina ci alziamo presto