• Mondo
  • giovedì 29 aprile 2010

Le perdite di petrolio in Louisiana aumentano

Sbagliate le stime della Guardia Costiera, la perdita sale a 5000 barili al giorno

La settimana scorsa la piattaforma petrolifera ha iniziato ad affondare a causa di un'esplosione

La CNN riporta che i calcoli della Guardia Costiera erano sbagliati, e le perdite di petrolio della piattaforma che sta affondando nel Golfo del Messico sono salite a cinquemila barili al giorno, circa ottocentomila litri, a causa di una nuova falla scoperta ieri.

La piattaforma petrofilera ha iniziato ad affondare la settimana scorsa a causa di un’esplosione, dovuta a motivi ancora sconosciuti su cui le autorità stanno investigando. Nell’incidente sono morte undici persone. La macchia di petrolio ha raggiunto una circonferenza di circa 140 chilometri, e si sta avvicinando pericolosamente alle coste della Louisiana. Le stime calcolano che le raggiungerà tra domani e dopodomani, causando quello che potrebbe essere il più grande disastro ecologico degli Stati Uniti.

La Guardia Costiera ha dato il via a incendi controllati su piccole aeree della macchia. In caso questi incendi di prova dovessero andare bene si procederebbe dando fuoco ad aeree più ampie.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.