Berlusconi: “Non si può sputtanare il partito”

Berlusconi durante una cena con i senatori si è detto deluso da Fini

Dopo aver consegnato la dimissioni, Bocchino ha dichiarato di essere stato epurato

Secondo quanto riportato dall’ANSA, ieri sera Berlusconi ha parlato a lungo di Fini e Bocchino durante una cena con un gruppo di senatori a palazzo Grazioli.

Il premier ha espresso la sua delusione per il comportamento di Fini:

“Mi ha tradito e non me l’aspettavo, è stato come ricevere una coltellata. Abbiamo constatato che tra di noi non c’è più amicizia, ora vediamo se c’è lealtà da parte sua.”

Riguardo a Bocchino ha dichiarato di avergli telefonato prima che questi andasse a Ballarò.

“Con me, devo dire, è stato anche un po’ insolente. Gli ho detto che non si può andare in tv a fare sceneggiate coinvolgendo il partito. Tutti nel PdL devono capire che non si può sputtanare il partito.”

Bocchino, che aveva spiegato le ragioni delle sue dimissioni da vicepresidente della camera in un’intervista al Post, ha poi dichiarato di essere stato epurato.

“È stato Berlusconi a chiedere la mia testa”.