• Mondo
  • martedì 20 aprile 2010

Due soldati si scusano per l’omicidio di civili del video di Wikileaks

È di due settimane fa la pubblicazione del video che mostra l'uccisione di civili a Baghdad

È di ieri la lettera di scuse di due dei soldati americani coinvolti

Circa due settimane fa Wikileaks – sito diventato famoso per aver pubblicato diversi documenti riservati e ufficiali — ha messo online il video shock dell’omicidio di civili da parte di un’unità dell’esercito americano, durante una confusa azione militare a Baghdad del 2007. Truthout ha pubblicato ieri la lettera di scuse di due dei soldati dell’unità ai familiari delle vittime, Josh Stieber e Ethan McCord.

Qualche estratto dalla lettera.

Non c’è nulla che possa riportarvi indietro quello che avete perso. Quello che vorremmo è imparare dai nostri errori e fare il possibile per raccontare agli altri le nostre esperienze, perché i cittadini americani devono rendersi conto di cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo a voi e al vostro paese.

Il nostro governo potrebbe ignorarvi, concentrato sulla sua immagine pubblica. […] È arrivato il tempo di dire che i valori dei leader della nostra nazione non ci rappresentano. Il nostro segretario della difesa può dire che tutto questo non danneggerà la nostra reputazione, ma l’importanza della nostra reputazione impallidisce rispetto all’importanza della nostra umanità.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.