Avesse ragione Murdoch?

Gli analisti di Macquarie dicono che dalla ridiffusione di contenuti a pagamento News Corp può guadagnare un miliardo di dollari all'anno

Gli altri editori aspettano che vada avanti lui, facendo pagare i giornali online

La società di consulenza finanziaria Macquarie ha giudicato molto positivamente le prospettive di News Corp., il gruppo editoriale di Rupert Murdoch, dopo una riunione con i suoi responsabili, oggi.

Business Insider riferisce che secondo Macquarie le difficoltà di News Corp. sono molto sopravvalutate e che sul fronte delle televisioni c’è stata nell’ultimo anno una crescita che smentisce le funeree previsioni che si erano fatte su quella sezione del business. La valutazione è che anche sul mercato della carta stampata la società abbia prospettive di crescita trascurate dalle analisi prevalenti.

Soprattutto, gli analisti di Macquarie ipotizzano un potenziale di un miliardo di dollari di profitti sulla “ridiffusione di contenuti a pagamento”, ovvero il modello di business che Murdoch vuole applicare sui contenuti online e che è al centro di molte polemiche e diffidenza tra gli osservatori di internet, ma anche con grande curiosità e speranza da parte degli altri gruppi editoriali, che esitano a seguirlo per paura di perdere lettori.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.