Un robot (quasi) in carne ed ossa nello spazio

La Nasa ha annunciato per il prossimo settembre il lancio del primo androide

Robonaut2 aiuterà gli austronauti della International Space Station nell'esplorazione del sistema solare

Presto gli astronauti dell’International Space Station vedranno salire a bordo un robot in carne ed ossa. O quasi. La Nasa sta lavorando insieme alla General Motors al lancio nello spazio di un nuovo robot con sembianze umane. Per il momento ci saranno solo testa, torso e mani. E in un primo tempo ci si limiterà a verificare come si comporta in assenza di gravità. Ma l’obiettivo è farlo diventare un vero e proprio assistente degli astronauti in orbita.

Secondo gli scienziati della Nasa la collaborazione tra uomini e robot nello spazio sarà cruciale per gli avanzamenti nello studio del sistema solare. Robonaut2, o R2, sarà lanciato a bordo dello Space Shuttle Discovery il prossimo settembre.

Su Twitter la diretta della vita all’interno della navicella che presto vedrà l’arrivo del robot.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.