Rimossa l’app non ufficiale di Wikileaks per iPhone e iPad

TechCrunch segnala la rimozione da parte di Apple di un’applicazione per iPhone e iPad che permetteva di seguire l’account Twitter di Wikileaks e soprattutto sfogliare parte dei documenti confidenziali pubblicati dal sito. L’applicazione, non ufficiale, era a pagamento per 1 dollaro e 99. TechCrunch ha tentato di contattare Apple per un commento, senza ancora ricevere alcuna risposta.

Su TechCrunch scrivono di essersi stupiti quando, il 17 dicembre, hanno visto apparire sull’Apple Store l’applicazione non ufficiale di Wikileaks: Apple tende a proteggersi molto da possibili controversie, e le sue app devono superare degli standard d’approvazione rigidi e non del tutto chiari. Già in molti — Amazon, PayPal, Mastercard, Visa e Bank of America — hanno tentato di dissociarsi con Wikileaks.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.