Il maltempo e le primarie PD in Liguria

La politica ha già dato prove scarse di sé in Liguria, senza bisogno di aggravare la situazione. Per esempio, da qualsiasi parte fosse la ragione nella rapida querelle tra Renzi e Burlando (e a occhio e croce hanno torto e ragione entrambi, come capita spesso), l’unica certezza è che tra le istituzioni non si dovrebbe aprire alcuna polemica, almeno finché vige ancora lo stato d’emergenza. L’intervento in loco di Graziano Delrio è apparso molto più utile, anche a conferma di quanto fossero inventati i pettegolezzi di Palazzo che volevano il sottosegretario in disgrazia.

Del resto, sulla manutenzione del territorio Regioni e Stato centrale hanno da condividere solo un generale biasimo, per decenni di incuria quando non peggio (anche se tutto va relativizzato, perfino le tragedie: alluvioni anche più catastrofiche di quelle in corso in Italia si sono verificate negli ultimi anni in paesi che additiamo a modello come Germania, Francia, Gran Bretagna, e morti in questi giorni ce ne sono in Svizzera, a dimostrazione che la violenza della natura può colpire anche chi lavora bene).

Per tornare alla politica, pare veramente saggia la decisione che sta maturando nel Pd di far slittare le primarie per i candidati alle elezioni regionali. Nella speciale classifica delle cose da risparmiare ai liguri, subito dietro le polemiche tra istituzioni viene appunto una fangosa competizione tra democratici aspiranti presidenti. A dirla tutta, più che rinviarle a gennaio le primarie liguri potrebbero benissimo essere cancellate. Una politica sana dovrebbe poter regalare a una regione in grave difficoltà una proposta forte, indiscutibilmente valida, convincente, condivisa. L’ideale sarebbe che la soluzione scaturisse dallo stesso Pd ligure, che dimostrerebbe così una maturità degna del consenso da andare a chiedere in primavera agli elettori. Se non dovessero mettersi d’accordo, potrebbe intervenire il Nazareno: detto anche da cittadino romano, non sempre le primarie producono gli effetti migliori.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.