Ho provato Project Natal

Nei giorni scorsi Microsoft ha invitato a Milano amici, giornalisti ed esperti di tecnologia all’anteprima di Project Natal, un progetto molto atteso, mostrato con largo anticipo ormai un anno fa all’E3 di Los Angeles attraverso la distribuzione di questo video che lasciò un po’ tutti a bocca aperta:

In realtà quella milanese è stata una anteprima dell’anteprima, visto che l’unica demo disponibile per saggiare il rivoluzionario controller invisibile (una periferica costituita da un telecamera, un sensore di profondità ed un microfono capaci di riconoscere movimenti, posizioni e voci dei soggetti che si presentano di fronte allo schermo interpretandone le azioni) era un piccolo gioco nel quale il nostro avatar si preoccupava di colpire palloni rossi facendoli rimbalzare su un muro. Un po’ pochino per un evento del genere.

Mia figlia Francesca si è comunque divertita molto anche se alla domanda delle gentilissime ragazze Microsoft “Giochi ad Xbox?” ha risposto tranquillamente “No, io ho la Wii”. E meno male che non ha aggiunto “Mio babbo del resto ha un Mac”. Sia come sia anche solo dopo una piccola prova di qualche decina di minuti l’impressione è che il sistema sia in grado di riconoscere correttamente movimenti complessi e questo, insieme al riconoscimento vocale (e al riconoscimento di oggetti che dovrà essere implementato più avanti), apre un numero molto ampio di utilizzi, non solo ludici (avete presente il browsing dei documenti in Minority Report?).

Esiste un inevitabile lieve ritardo fra i nostri gesti e quelli restituiti dal nostro alter ego dentro il sistema ma questo non sembra compromettere l’esperienza di gioco (almeno sulla demo che abbiamo provato). Quella della gestione di questo “intervallo” è uno dei dubbi sollevati da molti esperti ai quali il Progetto di Natale dovrà dare risposte convincenti.

La vera anteprima delle applicazioni software legate a Project Natal avverrà anche quest’anno all’E3 di giugno e fino ad allora il giochino coi palloncini rossi è l’unico frammento disponibile di questa nuova esperienza di intrattenimento dove, come recita il claim, “Tu sei il controller”. La commercializzazione del sistema è prevista per l’inizio della stagione natalizia (quindi verso novembre), il prezzo, si dice in giro, dovrebbere essere attorno ai 50 dollari.