Del fare progetti

Come gli annoiati lettori di questi blog sanno, il titolare qui da anni riesce a concludere la lettura di pochissimi libri, per tutta una serie di ragioni. Meno ancora mi capita con quelli che tra questi si definiscono “romanzi”. Meno ancora con quelli tra i romanzi che superano le 300 pagine.

Adesso mi è capitato di leggere un romanzo di 380 pagine. “Mi è capitato” non è l’espressione giusta: per le ragioni di cui sopra è stato un accadimento deliberato, perseguito, voluto, compiuto con grande soddisfazione. È un modo un po’ stupido e macchinoso di dire che mi è molto piaciuto un libro, insomma. (Ci voleva tanto? Ti sembrava così banale da dire?)

Era da un pezzo che non mi godevo così la lettura di un romanzo, che non mi divertivo e insieme non mi montavano pensieri e riflessioni (a un certo punto è spiegato in termini socio-scientifici un concetto che assai più dilettantescamente avevo inserito in “Un grande paese”, sul prevalere del bene per ragioni di utilità) e per non farla ulteriormente lunga vi dico come si chiama e vi rimando alla lettura di alcune sue pagine. Si chiama “La cospirazione delle colombe”, lo ha scritto Vincenzo Latronico e lo ha pubblicato Bompiani.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.