Qualcosa avranno fatto

Ieri, dopo la notizia della scarcerazione dei giovani arrestati negli scontri di martedì a Roma, si è formato un ampio fronte di italiani che ha protestato contro quella scarcerazione. Ovvero, molte persone in Italia – in ruoli di responsabilità pubblica o no – moltissime persone, hanno detto che era sbagliato, hanno detto che non si doveva, hanno detto che andavano tenuti in prigione e che era una vergogna o uno sbaglio quella decisione di in giudice.
Bene. Quanti di quelli che hanno protestato conoscono indizi e prove a carico di ciascuno degli arrestati? Io non credo siano pochi, credo siano zero. Cosa sanno di ognuno di loro, di questo o di quello, di quali condizioni abbiano portato al loro arresto, di quali contestazioni vengano loro mosse? Io credo zero. Cosa li spinge a ritenere esattamente formulato un qualunque fermo di polizia in una giornata di casino e sbagliato il giudizio a freddo di un giudice? Io credo un pigro tic che ha staccato temporaneamente il cervello. Hanno protestato tutto il giorno – e lo faranno ancora – perché volevano vedere tenute in carcere persone di cui non hanno la minima idea, né delle accuse rivolte contro di loro, né se per uno siano gravi, o per un altro inesistenti, e per un altro ancora mezzemmezzo. Andavano tenuti in carcere. Così.