Come salvare un matrimonio segnando un gol ai mondiali

“Gli azzurri? In cassa integrazione! Come noi!”. La proposta/protesta arriva dai cassaintegrati della Vinyls di Porto Torres che da 120 giorni vivono nell’ex carcere di massima sicurezza dell’Asinara, soprannominata “L’isola dei cassaintegrati”. E spiegano: “Forse all’Asinara questi giocatori rifletterebbero meglio al fresco delle celle. 1.500 euro, un nostro ex stipendio (perche’ ora non prendiamo neppure la metà) loro in genere li guadagnano in un’ora”.

Quelli della Camera di Commercio di Monza e Brianza sono dei geni della statistica. Ogni volta che c’è un evento che colpisce il paese elaborano una ricerca, uno studio, una valutazione dell’impatto economico. Potevano esimersi dopo l’eliminazione dell’Italia? Sicuramente no! E infatti sono riusciti a calcolare che l’indotto della sconfitta contro la Slovacchia ammonterebbe a 140 milioni di euro. Chissà come hanno fatto ad arrivare a questa considerevole cifra ma, secondo loro, l’indotto sarebbe dovuto ai minori introiti dei pubblici esercizi e alla mancata vendita di articoli sportivi.

Quei “signori” del quotidiano spagnolo “As” oggi hanno titolato “Arrivederci volgare Italia”. Bonjour finesse…

Ok. Adesso mettiti lì comoda/o e concentrati. Ho un obiettivo e sono certo di riuscire a raggiungerlo alla fine di questo paragrafo. L’obiettivo è: dimostrare perchè il calcio non è scienza e neanche matematica. Svolgimento: un gruppo di ingenieri informatici della Northwestern University ha elaborato un programma per la valutazione delle partite di calcio. Al termine della valutazione dell’incontro il software restituisce un voto che va da + 3 (ottimo) a – 3 (fallimentare). Lo 0 rappresenta la prestazione molto buona. Ora al termine della valutazione di Italia-Slovacchia, gli azzurri hanno ottenuto + 1,2 mentre gli slovacchi un misero + 0,3. Il miglior giocatore della partita è stato Di Natale, secondo classificato De Rossi, poi Quagliarella. Stando a questi risultati l’Italia aveva oltre l’80% delle possibilità di vincere la partita. E’ chiaro adesso perchè il calcio non è scienza e neanche matematica?

Landon Timothy Donovan è sicuramente uno dei giocatori della nazionale statunitense di maggior classe. Con i due gol segnati ai mondiali è il calciatore della nazionale a stelle e striscie che ha segnato di più nella storia (44 reti). Ma con il gol segnato a tempo scaduto contro l’Algeria, che ha dato la qualificazione agli ottavi alla sua nazionale, non solo ha fatto impazzire di gioia gli appassionati USA di calcio ma rischia di salvare il suo matrimonio. Donovan è sposato con l’attrice Bianca Kailich. Loro si erano uniti in matrimonio il 1° gennaio del 2006 ma nel mese di luglio dell’anno scorso avevano annunciato la separazione, da loro stessi definita “amichevole”. Nelle interviste post-partita Donovan si è rivolto alla telecamera e ha detto “Hi, Bianca” mandando un bacio alla sua metà separata. Ovviamente quei gossippari dei giornalisti si sono gettati a pesce sulla notizia. Donovan ha rivelato di aver chiamato Bianca dopo la partita e ha commentato “è stato un grande momento”. Poi ha aggiunto “non siamo ufficialmente divorziati”.

Domenica durante la seduta del G20 che è in svolgimento a Toronto, la premier tedesca Angela Merkel e quello inglese David Cameron faranno tutto il possibile per riuscire a vedere insieme le due nazionali che giocheranno la partita degli ottavi ai mondiali. Sull’argomento calcistico sembra molto in fregola anche Barack Obama che, tramite i suoi collaboratori, ha fatto sapere che è molto contento della qualificazione della nazionale USA e che farà un accenno al calcio quando incontrerà il premier britannico Cameron.

Purtroppo non c’è speranza per gli Inglesi contro la Germania. Il polpo Paul ha emesso la sentenza e il polpo Paul non sbaglia! Il polpo Paul si trova nell’Acquario di Oberhausen, vicino a Dusseldorf. Prima di ogni partita della nazionale vengono calate nella sua vasca due vasi di colori diversi con un mollusco dentro. Il polpo Paul li guarda, sceglie e fino ad oggi quello che ha scelto corrispondeva alla squadra vincitrice. Quindi ha scelto Germania nelle partite contro Ghana e Algeria mentre Serbia quando i tedeschi hanno perso. E pare che fra le due anfore che avevano la bandiera inglese e quella tedesca abbia scelto quest’ultima.

Aggiornamento sull’utilizzo del termine paura ai mondiali: il ct della nazionale tedesca Loew dice di rispettare l’Inghilterra ma “non credo che si possa parlare di paura”.

Nelle partite di ieri uno squallido pareggio, un tentativo di rimonta abortito, un mezzo suicidio sportivo e un’occasione mancata.

Lo squallido pareggio è lo 0-0 alla “volemose bene e nun famose male” fra Brasile e Portogallo che ha portato alla qualificazione le due squadre. Il tentativo di rimonta abortito è quello della Costa d’Avorio che, per passare il turno, doveva segnare 8 gol alla Corea del Nord ma si è fermata a 3 (Yaya Tourè, Romaric, Kalou) anche perchè la non-belligeranza fra Portogallo e Brasile rendeva inutile infierire sui poveri coreani già strapazzati dal Portogallo. Il mezzo suicidio sportivo è quello del Cile che ha giocato tutto avanti contro la Spagna e lasciando delle praterie agli avversari. Poi anche il portiere Claudio Bravo ci ha messo del suo facendo un’uscita scriteriata quasi a centrocampo che ha permesso il gol dell’1-0 a David Villa. Finale 2-1 per la Spagna (Villa, Iniesta, Millar). L’occasione mancata è quella della Svizzera che poteva qualificarsi agli ottavi ma non è riuscita a smuovere lo 0-0 contro l’Honduras e quindi se ne torna a casa.

Oggi iniziano gli ottavi e le partite sono due:

16.00  Uruguay-Corea del Sud

20.30 USA-Ghana

Come al solito SKY le trasmette tutte e due mentre la RAI manda in onda solo quella delle 20.30.