Mi hanno raccontato/6

“Metropolitana Barcellona. Due homeless ubriachi si contendevano un passeggino. Il piu’ alto e sobrio lo guidava con due mani e il piu’ basso e alticcio teneva una mano sul manubrio come a rivendicare il ruolo di copilota. Chiaramente ho pensato che fosse la loro valigia o che utilizzassero il passeggino come trolley o caravan in condivisione. I due erano abbastanza comici da farmi decidere di seguirli per due minuti, fino al bagno della stazione. Li ho superati con il telefono già in mano e ho scoperto che effettivamente il passeggino era usato in maniera filologica e old school. I due scarrozzavano un bambino che avrà avuto 10 mesi che impavido si faceva portare dalla volontà di tre braccia, quattro ruote e un tasso alcolico da balera. Il piu’ alto guarda il piu’ alticcio severo e formando un angolo di 95 gradi con il pavimento gli comunica di dover andare in bagno lasciandogli il comando dell’astronave con bambino. Il meno alticcio si è poi messo a mo’ di cane da guardia e ha vigilato,  facendo un lento giro su se stesso, il bambino per i pochi minuti di pausa. Nel frattempo ho toppato e la video registrazione non è partita ma a testimonianza della mia buona fede allego una foto fatta da lontano mentre i due si allontanano con un nuovo assetto. Il piu’ alticcio davanti, il piu’ alto dietro alla guida. Avessi avuto un bambino con me lo avrei mandato a parlare con il mini-man per chiedergli in quella loro lingua “Tutto a posto Frè o chiamo le guardie?”
(Matteo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.