LEGO proprio non ce la fa

In questi ultimi giorni LEGO è stata criticata da una serie di organizzazioni di genitori per la scelta di includere in una nuova collezione di “omini” un personaggio su una sedia a rotelle che è però un uomo anziano: la critica è che il nuovo personaggio non faccia altro che promuovere lo stereotipo che la disabilità sia presente solo nelle persone anziane. Vero, ma penso che ci sia qualcosa di più, anche se per molti non è così evidente: nel video di presentazione della nuova serie la sedia a rotelle viene spinta da un “omino” più giovane, che è una “donnina”, e tra i nuovi personaggi c’è quello di una madre-con-bambino.

Il paradosso è che l’obiettivo dichiarato della nuova serie LEGO è quello di educare i bambini e le bambine alle differenze e a una serie di professioni che prima non erano rappresentate. L’obiettivo chiaramente fallisce. Per due motivi: il lavoro di “cura” di vecchi e disabili viene affidato, naturalmente, a una donna e quello della madre viene presentato come un mestiere tra gli altri.

Il sessismo nei giochi non è certo una novità. E non sono una novità le critiche di sessismo rivolte all’azienda danese. Su Feminist Frequency, un canale video che analizza gli stereotipi di genere nei media, nei libri, nelle serie TV, nei giochi e nei videogiochi da un punto di vista femminista, Anita Sarkeesian si è occupata ad esempio molto a lungo dei LEGO per bambine. E LEGO, a seguito delle proteste, ha quindi deciso di correggere le sue scelte cercando di colmare il divario di genere e producendo un nuovo set di personaggi per la serie “Research Institute” le cui protagoniste sono una astronoma, una chimica e una paleontologa. Più di recente, ha creato anche altri personaggi: una veterinaria, un’esploratrice, un’ingegnera aerospaziale, una meccanica.

Ma la correzione sembra solo parziale o meglio, riguarda solo alcuni ambiti evidentemente considerati come straordinari: per quel che riguarda la vita ordinaria LEGO proprio non ce la fa. E prosegue nel replicare attraverso la presentazione dei suoi giocattoli quello stereotipo che assegna a ciascuna una spe­cie di pre­de­sti­na­zione bio­lo­gica e che continua a riservare alle bam­bine l’istinto di accudimento e la simulazione di cura della casa e della fami­glia. Non resta che scombinare un po’ le cose. Nei giochi, certo.