La Tragedia Pornografica

Quella italiana potrebbe essere definita una Tragedia Pornografica. Il cast non è necessario citarlo. La trama invece (goffamente parodica, come sempre nei film hard) ricalca il mito di Dioniso e la tragedia de Le Baccanti.

Questa è la storia originale.

L’ atto cui siamo arrivati sembrerebbe verso la fine, per la precisione quello in cui il re di Tebe Penteo subisce una crudele sorte perchè non vuole credere alla divinità del cugino Dioniso (Bacco). Egli si reca nei luoghi dell’ ennesimo baccanale dove le donne, tra cui la stessa madre e le sorelle, ebbre ed invasate si scagliano su di lui uccidendolo, per poi squartarlo e divorarne le carni.

Sebbene nella tragedia originale Penteo abbia in odio i baccanali mentre nella nostra tragedia-porno ne è addirittura il promotore, non cambia nè il movente nè l’ epilogo omofago. L’ offesa è sempre la stessa: non accettare la divinità di Dioniso, che nel nostro caso significa usurparla, credersi immortale. Più potente dell’ ebrezza stessa, avendola effettivamente imposta come culto nazionale. L’ epilogo è più erotico che eroico (si parla di tragedia-porno) e vede il nostro ucciso ma soprattutto divorato dalle sue donne. Le carni sono il suo oro, madre e sorelle son più che altro figlie.

Questa la nostra.

Manca il titolo, qualcosa in classico stile porno-parodico, che stia a Colazione da Tiffany come Eiaculazione da Tiffany,  a Ventimila Leghe Sotto i Mari come Ventimila seghe sotto Mary o a Tutto su mia Madre come Tutti su mia Madre. Le Bunga Bunga Baccanti? Si accettano suggerimenti.

Prepariamo almeno un buon titolo, perchè dopo questa tragedia più che una catarsi potrebbe iniziarne una anche peggiore.

Guardate bene, riconoscerete qualcuno. (Immagine di William Hogarth ed Edo Grandinetti)

(Grazie a Vanni Santoni che mi ha ricordato di Dioniso)

jjj

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.