Ultime della sera

Mi è appena arrivata una mail del consolato italiano che chiede, nel caso, se i residenti da Tokyo in su volessero essere rimpatriati.
La giornata di oggi è stata pesante. I reattori di Fukushima non fanno tanto i bravi, e tutti li hanno davanti agli occhi, anche quando fanno altro.

Mi manca Tokyo. Domani Yuki avrebbe dovuto partecipare alla cerimonia di laurea, e oggi nell’università vicino a dove stiamo a Kyoto era tutto un fiorire di ragazze in kimono. Adesso in televisione sono partiti i programmi di varietà, si rivedono personaggi famosi che mangiano, cantano, ridono. Mentre solo la NHK parla di 380.000 persone che non hanno più la casa.