I video del concerto di Liberato al Club to Club di Torino

I video del concerto di Liberato al Club to Club di Torino

Liberato, il misterioso progetto musicale napoletano R&B che è stato una delle novità più discusse del pop italiano di quest’anno, ha tenuto un concerto sabato sera al Club 2 Club, il festival di musica elettronica di Torino. Liberato, che finora aveva suonato dal vivo una sola volta, lo scorso maggio al Mi Ami di Milano, e di cui si continua a non conoscere la vera identità, ha cantato le sue tre canzoni diffuse finora, “Nove Maggio”, “Tu T’e Scurdat’ ‘E Me” e “Gaiola Portafortuna”, più una canzone inedita. Sul palco di Torino non ha rivelato la sua identità, ma a differenza di quanto era successo a Milano, quando si erano esibiti i cantanti italiani Calcutta, Izi, Priestess e il dj Shablo, sembra che a suonare sia stata una delle vere persone dietro al progetto.

#club2club #liberato

A post shared by Marco (@marco.b_) on

Liberato è una gioia #club2club #torino #liberato #wow

A post shared by margiuz (@margiuz) on

#Liberato live #C2C17

A post shared by Luca De Gennaro (@lucadegennaro) on

#LIBERATO

A post shared by fran_saib (@fran_saib) on

Simone Verdi del Bologna ha segnato due gol su punizione nella stessa partita, ma con due piedi diversi

Simone Verdi del Bologna ha segnato due gol su punizione nella stessa partita, ma con due piedi diversi

Simone Verdi, attaccante 25enne del Bologna, ha segnato due gol su punizione nella stessa partita di Serie A calciando con due piedi diversi, nella partita persa per 2 a 3 contro il Crotone. È una cosa molto rara nel calcio (lo sarebbe già stato anche solo segnare due punizioni nella stessa partita), tanto che non è chiarissimo quali siano i precedenti: un altro calciatore famoso per essere ambidestro è Hernanes, ora al San Paolo, che segnò con due piedi diversi su punizione nella stagione 2014/2015, quando era nell’Inter. L’unico a riuscirci nella stessa partita nei principali campionati europei, secondo Sky Sport, fu Marcial Pina dell’Atletico Madrid contro il Barcellona nel 1978. Opta, società di analisi di dati calcistici, ha detto che Verdi è il primo giocatore ad aver ottenuto questo record particolare dal 2004/2005, ma soltanto perché è la prima stagione dalla quale hanno a disposizione questo dato.

 

Di Verdi si parla da anni come di uno dei più promettenti calciatori italiani, ma finora ha avuto una carriera al di sotto delle aspettative iniziali. Quest’anno sta facendo però molto bene al Bologna, e si parla di lui come di un possibile convocato ai Mondiali 2018, se l’Italia dovesse riuscire a ottenere la qualificazione nei playoff contro la Svezia (ai quali Verdi non è stato convocato).

«La bestia è stata finalmente sconfitta»

«La bestia è stata finalmente sconfitta»

Dopo nove settimane di lavoro, la palla di grasso e rifiuti (chiamata in gergo fatberg, cioè un “iceberg di grasso”) è stata rimossa dalle fogne della zona Whitechapel, a est di Londra. Per rimuovere la palla di 130 tonnellate, una delle più grandi mai trovate, è stato necessario l’intervento di una squadra di otto persone: il capo degli operai ha detto che l’ammasso era duro come la roccia, ma che «la bestia è stata finalmente sconfitta» grazie allo sforzo mastodontico della squadra.

La società che cura il Tamigi e le sue acque ha ribadito che le sole cose che possono transitare negli scarichi sono urine, feci e carta igienica: i resti di cibo, l’olio e altri rifiuti come le salviette umidificate devono essere gettate nella spazzatura.
A settembre, quando venne diffusa la notizia della palla di grasso, il Museum of London disse che avrebbe voluto mostrare nei suoi spazi una parte dell’ammasso, per far interrogare i visitatori sullo stile di vita attuale e sulle possibili soluzioni ai problemi delle aree metropolitane. Ogni anno viene speso un milione di sterline, 1,1 milioni di euro, per ripulire le fogne dai blocchi di grasso: la società che se ne occupa sta cercando di capire se poterli utilizzare per produrre il biodiesel. Finora però la soluzione più praticabile sembra essere convincere persone e negozi a gettare grasso e unto nei cestini, e non in lavandini e gabinetti.

Nuovo Flash