Dacci una piccola mano, Papi

Dacci una piccola mano, Papi

L’agenzia di stampa ANSA ha diffuso un video del 2011 girato di nascosto con uno smartphone da una ragazza, durante un incontro privato di Silvio Berlusconi con alcune delle cosiddette “Olgettine”, le ragazze che frequentavano le residenze di Berlusconi e partecipavano alle serate del “Bunga Bunga”. Nel video si sente la voce di Marysthell Garcìa Polanco che, insieme alle altre, chiede a Berlusconi un aiuto per farle lavorare: “Tutti lavorano grazie a te, Papi. Dacci una piccola mano”.

Davanti alle insistenze delle ragazze, Berlusconi risponde dicendo di non essere più a capo di Mediaset, di essere stato vittima di una sentenza decisa da “tre giudici comunisti, e ho scoperto che due di loro scrivevano su Lotta Continua e hanno fatto una sentenza per farmi fallire”. Berlusconi all’epoca aveva da poco ricevuto dalla Corte d’Appello di Milano una sentenza che aveva condannato Fininvest a versare 540 milioni di euro alla CIR di De Benedetti. Il filmato fa parte degli atti del processo “Ruby Ter” ed era rimasto finora inedito.

Il raro video dell’ultimo sopravvissuto di una tribù dell’Amazzonia

Il raro video dell'ultimo sopravvissuto di una tribù dell'Amazzonia

Funai, l’agenzia del governo brasiliano che si occupa della salvaguardia delle tribù indigene della Foresta Amazzonica, ha diffuso un video che mostra l’ultimo sopravvissuto di una tribù dell’Amazzonia: un uomo di circa 50 anni che da almeno 22 vive in completa solitudine in un’area protetta nello stato di Rondonia. Secondo gli esperti di Funai, l’uomo vive in solitudine da quando gli altri componenti della sua tribù furono uccisi durante un attacco da parte di agricoltori nel 1995. Da allora dell’uomo non si avevano più informazioni dirette, anche se era stato trovato il posto dove vive e dei piccoli terreni da lui coltivati. Nel video lo si vede in buona salute, mentre cerca di tagliare un albero.

La costruzione in timelapse del nuovo stadio di Londra

La costruzione in timelapse del nuovo stadio di Londra

La squadra di calcio inglese del Tottenham completerà a breve la costruzione del suo nuovo stadio a Londra, il terzo impianto della capitale inglese che supererà i 60.000 posti e il quattordicesimo in uso da un club professionistico all’interno della sua area urbana. Il nuovo stadio del Tottenham è in costruzione nell’area in cui sorgeva il vecchio White Hart Lane, nella parte settentrionale della città. Nelle ultime settimane stanno partecipando alla sua costruzione circa 3.000 operai. Non è infatti un semplice stadio di calcio: sarà la sede londinese delle partite di football americano NFL in Inghilterra, comprenderà 579 unità residenziali, un hotel da circa 180 stanze, il centro medico della zona, un centro sportivo e gli uffici del Tottenham. Il campo in erba artificiale che verrà usato per le partite di NFL è già stato installato in un piano inferiore del campo: il prato in erba per le partite di calcio, invece, è mobile e andrà a posizionarsi sopra quello della NFL in un livello superiore diviso in tre diverse sezioni.

Nuovo Flash