Vettel ha salutato la Ferrari con una sua versione di “Azzurro”

Vettel ha salutato la Ferrari con una sua versione di "Azzurro"

Il 13 dicembre, a conclusione del Gran Premio di Formula 1 di Abu Dhabi sul circuito di Yas Marina, l’ultimo della stagione 2020, Sebastian Vettel, prima di rientrare ai box, ha salutato via radio lo staff della Ferrari, con cui dal prossimo anno non correrà più, cantando il suo addio e il suo ringraziamento sulla melodia di Azzurro, la canzone del 1968 di Adriano Celentano.

Questo il testo della “versione” di Azzurro di Vettel:

Voi siete la squadra Rossa,
appassionati, arrenderete mai.
La mia fermata sta arrivando,
mi è piaciuto stare con voi.
(Ho) Sentito la vostra magia,
una sensazione straordinaria.
Ragazzi, io vi ringrazio per avermi (preso)
mi mancherete.
Un saluto a tutti voi a Maranello,
meritate (di essere) menzionati qui.
E adesso io quasi quasi dirò addio
e auguro, auguro il meglio!
Auguro di essere felici,
ma di più, essere sani!

Vettel, che è stato per quattro volte consecutive campione del mondo di Formula 1 (2010, 2011, 2012 e 2013) con la Red Bull, quest’anno si è classificato tredicesimo con 33 punti. Nella prossina stagione correrà per la Aston Martin, che dal 2021 sostituirà come costruttore la Racing Point.

La cattedrale di Christchurch, distrutta da un terremoto, dove nessuno entra da anni

La cattedrale di Christchurch, distrutta da un terremoto, dove nessuno entra da anni

Qualche giorno fa sono state diffuse le immagini riprese da un drone all’interno della cattedrale di Christchurch, in Nuova Zelanda, che fu gravemente danneggiata durante il terremoto che aveva devastato la città il 22 febbraio 2011. Le scosse fecero crollare il campanile insieme a parte del tetto e provocarono danni anche ai pilastri che sostengono la chiesa e alle fondamenta. L’edificio – inaugurato nel 1864 – fu ulteriormente danneggiato da un altro terremoto che colpì la città il 23 dicembre del 2011. Da quasi dieci anni a questa parte nessuno è mai entrato nella cattedrale perché la struttura era considerata instabile.

Nel 2012 l’allora sindaco di Christchurch, Bob Parker, aveva annunciato che la cattedrale sarebbe stata demolita e al suo posto sarebbe stata costruita una nuova chiesa; tuttavia, nel 2017 fu deciso di ristrutturarla. Le immagini sono state registrate nel 2019 e rese pubbliche dalla società di ingegneria che si sta occupando del progetto per la ristrutturazione della chiesa. Le riprese del drone potrebbero dare nuove informazioni sui danni provocati dai terremoti ed essere d’aiuto per stabilizzare la cattedrale prima dell’avvio dei lavori, che dovrebbero essere completati entro il 2028.

40 anni fa il primo episodio di “Magnum, P.I.”

40 anni fa il primo episodio di "Magnum, P.I."

Il telefilm americano Magnum, P.I. andò in onda per la prima volta, con la prima puntata, l’11 dicembre del 1980 sulle reti CBS. Arrivò nel resto del mondo a partire dall’anno seguente, e in Italia dal 1982. Fu un successo planetario e divenne uno dei prodotti televisivi più iconici degli anni Ottanta — insieme a titoli simili come Supercar, A-Team e MacGyver — andando avanti sulle reti Mediaset con decine di repliche fino agli anni Duemila. Magnum, P.I. lanciò la carriera di Tom Selleck — i baffi più famosi della televisione — che interpretava Thomas Sullivan Magnum, ex affascinante ufficiale di marina diventato investigatore privato e successivamente assunto da un misterioso imprenditore di Honolulu, nelle Hawaii. L’ambientazione esotica contribuì al successo del telefilm insieme ai vari personaggi laterali, su tutti il maggiordomo inglese Higgins (John Hillerman), anche lui veterano di guerra.

Dal successo di Magnum, P.I partì grossomodo il filone commerciale dedicato agli ex combattenti americani in Vietnam, che negli anni successivi si arricchì con l’A-Team e la saga di Rambo. La serie finì l’8 maggio del 1988, dopo otto stagioni, ma in realtà era già finita un anno prima. Nel 1987 la CBS decise di non rinnovarla e per questo venne scritta un’ultima puntata, che fu mandata in onda il 15 aprile di quell’anno e che non piacque per nulla agli appassionati, tanto che CBS decise di registrare una nuova ultima stagione. I tredici nuovi episodi andarono in onda nei primi mesi del 1988 e la nuova ultima puntata fu scritta in modo più canonico.

Nuovo Flash