Nello Utah volano pesci (ok, precipitano)

Nello Utah volano pesci (ok, precipitano)

La Utah Division of Wildlife Resources (DWR), una divisione del Dipartimento della risorse naturali dello Utah (Stati Uniti), utilizza un modo particolare e un poco drastico per ripopolare i laghi: fa precipitare centinaia di piccoli pesci al loro interno da un aereo. L’organizzazione ha di recente pubblicato su Twitter un video dove mostra l’operazione, con questa spiegazione: “Riforniamo molti dei laghi di montagna dello Utah per via aerea. I pesci sono piccoli – lunghi tra i 2,5 e i 7,5 centimetri – e ciò consente al 95 per cento di loro di sopravvivere alla caduta”.

Nel video si vedono i piccoli pesci che cadono dall’aereo mentre sta sorvolando uno dei laghi di montagna della zona. In molti sui social network hanno scritto commenti preoccupati, soprattutto per quel 5 per cento di pesci che non riesce a sopravvivere l’impatto con l’acqua. I responsabili della DWR hanno spiegato che trasportare i pesci via terra richiederebbe troppo tempo e, inoltre, comporterebbe troppo stress per gli stessi pesci. In proporzione, il trasporto e il lancio dall’aereo è molto meno stressante per i pesci e ne sopravvivono di più, rispetto al loro trasferimento via terra.

Un video che probabilmente tormenterà per un po’ Theresa May

Un video che probabilmente tormenterà per un po' Theresa May

La prima ministra britannica Theresa May è stata ripresa mentre danzava in modo piuttosto goffo durante una visita alla sede delle Nazioni Unite a Nairobi, in Kenya. Il video sta molto circolando online, anche perché non è il primo di questo tipo: soltanto qualche giorno fa c’era stata una scena molto simile – se l’era cavata un po’ meglio, a dirla tutta – quando May aveva ballato in una scuola in Sudafrica, all’inizio della sua visita in Africa.

Il trailer di “The Other Side of the Wind”, il film di Orson Welles finito da Netflix

Il trailer di "The Other Side of the Wind", il film di Orson Welles finito da Netflix

È online il trailer di The Other Side of the Wind, che ora non lo è più ma fino a qualche mese fa era noto come “uno dei film incompiuti più famosi della storia“. Lo diresse – e iniziò anche a montarlo – Orson Welles, uno dei migliori registi di sempre (ma fu anche attore, sceneggiatore e produttore). Welles morì però nel 1985, prima di averlo finito. Ora l’ha finito Netflix e dal 12 novembre si potrà vedere online; nel frattempo sarà mostrato fuori concorso al Festival del cinema di Venezia.

The Other Side of the Wind parla di un regista anticonformista e d’avanguardia interpretato da John Huston, il regista e attore morto nel 1987. Netflix ne presenta così la trama: «Circondato da fan e scettici, il brizzolato regista J.J. “Jake” Hannaford ritorna dopo anni trascorsi in Europa a una Hollywood cambiata, dove cerca di ritrovare il successo». Sul Post ne parlammo nel dettaglio qui.

Nuovo Flash