Serena Williams contro Ilie Năstase per i suoi commenti razzisti

Serena Williams contro Ilie Năstase per i suoi commenti razzisti

La tennista statunitense Serena Williams ha accusato l’ex campione di tennis rumeno Ilie Năstase di avere fatto commenti razzisti nei suoi confronti a pochi giorni di distanza dal suo annuncio di essere incinta. Năstase venerdì scorso aveva detto: “Vedremo di che colore è. Sarà cioccolato o latte?”, rivolgendosi ad alcuni membri del suo team durante la Fed Cup a Costanza, in Romania. Williams ha risposto su Instagram dicendo di essere “scontenta nel sapere di vivere in un mondo in cui persone come Ilie Năstase possono fare commenti così razzisti”. Williams ha anche ringraziato la Federazione Internazionale Tennis per avere avviato un’indagine nei confronti di Năstase.

Un post condiviso da Serena Williams (@serenawilliams) in data:

Forse ci stiamo avvicinando a quella cosa delle auto volanti

Forse ci stiamo avvicinando a quella cosa delle auto volanti

La società Kitty Hawk – che tra i suoi finanziatori ha Larry Page, co-fondatore di Google – ha pubblicato il primo video del suo prototipo di auto volante o, se preferite, del Kitty Hawk Flyer. È fatto per volare sopra l’acqua e per guidarlo non serve una patente o licenza: la società dice anzi che bastano pochi minuti per imparare a usarlo e che i primi modelli dovrebbero essere in vendita entro fine anno; all’inizio solo negli Stati Uniti, a un prezzo ancora sconosciuto. Se state pensando che non sia proprio un’auto volante (almeno non come ve la immaginavate o come ve l’avevano fatta immaginare i film), forse è vero, ma per ora tocca accontentarsi.

In Serie A ci sono attaccanti forti o difensori scarsi?

In Serie A ci sono attaccanti forti o difensori scarsi?

Nell’ultima giornata di Serie A – che si è conclusa ieri sera con il 4-1 della Roma sul Pescara – è stato eguagliato il record di gol in una singola giornata nella storia della Serie A. I gol sono stati 48 in 10 partite: la media di gol a partita la fate voi, che è facile. C’entrano un paio di fattori: un grande divario tra le squadre più forti e quelle più deboli (esempi: Pescara-Roma 1-4; Juventus-Genoa 4-0; Lazio-Palermo 6-2), il fatto che molte squadre abbiano ormai pochi obiettivi perché lontane dalla possibile qualificazione in Europa League ma comunque salve, e forse anche delle difese non particolarmente solide. C’è però da vedere se un risultato come Fiorentina-Inter 5-4 sia più merito degli attaccanti o demerito dei difensori.

Da quando in Serie A giocano 20 squadre (cioè dalla stagione 2004-2005) non si era mai segnato così tanto. 48 gol erano però già stati fatti il 4 ottobre 1992, quando le squadre erano 18. Contribuirono, tra gli altri: Gheorghe Hagi, Marco Van Basten, Ruud Gullit, Francesco Baiano, Gianluca Signorini, Gianluca Vialli, Roberto Baggio, Gianfranco Zola e Giuseppe Signori. Lì, forse, attaccanti forti più che difensori scarsi.

Nuovo Flash