Due persone hanno percorso il Canal Grande di Venezia a bordo di surf a motore

Due persone hanno percorso il Canal Grande di Venezia a bordo di surf a motore

Nelle prime ore di mercoledì mattina due persone hanno percorso il Canal Grande di Venezia a bordo di surf a motore, muovendosi a zig-zag tra i vaporetti e le gondole. Molti turisti hanno ripreso la scena e pubblicato i video sui social network. Ne ha pubblicato uno anche il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, per chiedere aiuto nell’identificare le due persone: «Ecco due imbecilli prepotenti che si fanno beffa della città… chiedo a tutti di aiutarci a individuarli per punirli anche se le nostre armi sono davvero spuntate… servono urgentemente più poteri ai sindaci in tema di sicurezza pubblica! A chi li individua offro una cena», ha scritto Brugnaro su Facebook.

Il video della guardia svizzera che sviene durante l’udienza del Papa

Il video della guardia svizzera che sviene durante l'udienza del Papa

Mercoledì mattina, nel corso dell’udienza generale tenuta da Papa Francesco nell’Aula Paolo VI della Città del Vaticano, una guardia svizzera ha avuto un malore ed è caduta improvvisamente a terra. È successo mentre un incaricato del Vaticano stava leggendo il discorso del Papa in lingua portoghese.

Nel video dell’udienza si vede una delle due guardie svizzere che erano vicino al Papa svenire e cadere. A quel punto l’udienza si è interrotta per prestare soccorso. Dopo alcuni secondi la guardia svizzera si è rialzata e c’è stato un applauso di incoraggiamento da parte del pubblico presente.

– Leggi anche: Gli eroici svenuti

La guardia svizzera a terra dopo il malore (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

La guardia svizzera a terra dopo il malore (ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI)

Il discorso di Alberto Angela in ricordo del padre, Piero Angela

Il discorso di Alberto Angela in ricordo del padre, Piero Angela

Martedì in Campidoglio, a Roma, è stata aperta al pubblico la camera ardente di Piero Angela, il più famoso divulgatore scientifico italiano, morto il 13 agosto a 93 anni. Nel corso della celebrazione, il figlio Alberto, anche lui noto conduttore televisivo e divulgatore scientifico, ha tenuto un commosso discorso in ricordo del padre, citando alcuni aspetti della vita privata e professionale.

Tra le varie cose ha detto che «l’ultimo insegnamento me lo ha fatto non con le parole, ma con l’esempio. In questi ultimi giorni mi ha insegnato a non avere paura della morte. Quella che è la più grande paura dell’essere umano, lui l’ha attraversata con una serenità che mi ha sconvolto, mi ha veramente colpito. Non l’ho mai visto nello sconforto e nella paura».

Ha poi parlato del padre dicendo di aver avuto spesso «la sensazione di avere Leonardo da Vinci in casa, che dava la risposta giusta sempre con una capacità di sintesi e analisi» e ricordando un aforisma, proprio di Leonardo da Vinci, che il padre amava ripetere soprattutto negli ultimi tempi: «Siccome una giornata ben spesa dà lieto dormire, così una vita ben usata dà lieto morire».

Nuovo Flash