Quanto costano le scarpe più costose al mondo?

Quanto costano le scarpe più costose al mondo?

Le scarpe più costose attualmente in commercio sono un paio di sneaker in pelle bianca con diamanti da 11,5 carati incastonati in pezzi d’oro 18 carati: si chiamano, appunto, Diamond Sneaker. Costano 132mila dollari, circa 118mila euro, per fabbricarle servono 20 ore di lavoro e si possono acquistare in un solo posto al mondo: a New York, nel negozio di Buscemi, l’azienda che le produce, che si trova al 47 di Wooster Street, a Soho. Buscemi è specializzata in sneaker di lusso e le Diamond Sneaker sono la versione più lussuosa di un modello già molto caro, le 100MM, che costano 920 euro.

La rivista di moda Fashionista ha calcolato che allo stesso prezzo di queste sneaker si possono comprare un’automobile Tesla Model X, 203 iPhone 7 da 32GB, 33.082 Big Mac e 1 milione e 460mila followers su Instagram.

100MM | alce pebbled leather | 175 grams of 18k gold & 11.50cts of diamonds [set by Shayan Afshar]

Una foto pubblicata da B U S C E M I (@buscemi) in data:

100MM | alce pebbled leather | 175 grams of 18k gold & 11.50cts of diamonds [set by Shayan Afshar]

Una foto pubblicata da B U S C E M I (@buscemi) in data:

«I guess I’m having an Aleppo moment»

«I guess I’m having an Aleppo moment»

Gary Johnson, il candidato del Partito Libertario alla presidenza degli Stati Uniti, ha avuto un altro momento di sbandamento durante un’intervista televisiva. Johnson, praticamente sconosciuto fuori dagli Stati Uniti, era finito su diversi giornali stranieri tre settimane fa, quando durante un talk show della tv MSNBC aveva detto di non sapere cosa fosse Aleppo (Aleppo, dai: la città della Siria contesa tra governo di Assad e ribelli). Johnson era stato molto criticato e preso in giro, e ora ne ha combinata un’altra. Mercoledì sera, durante un’intervista sempre su MSNBC, Johnson non ha saputo dire il nome di un leader straniero – uno solo, in tutto il mondo – che lui apprezza. A un certo punto voleva dire il nome di Vicente Fox, ex presidente del Messico, ma gliel’ha dovuto suggerire l’altro ospite in studio, l’ex governatore del Massachusetts William Weld. Commentando quello che gli stava succedendo, Johnson ha detto: «I guess I’m having an Aleppo moment» (“sto avendo un nuovo “momento Aleppo”).

Matteo Renzi non risponde ai cuoricini che gli manda Renato Brunetta 💔

Matteo Renzi non risponde ai cuoricini che gli manda Renato Brunetta 💔

Tempo fa il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, aveva raccontato in un’intervista di ricevere spesso SMS con emoji da Renato Brunetta, talvolta con cuoricini. Nella puntata di Otto e mezzo di ieri sera, Brunetta ha risposto a una domanda di Lilli Gruber sul tema dicendo di avere inviato una sola volta un cuore a Renzi in occasione dell’inizio del nuovo anno, e di non avere mai ricevuto risposta.

Nuovo Flash