Questo robot origami può sollevare 100 volte il suo peso

Questo robot origami può sollevare 100 volte il suo peso

A differenza delle classiche mani robotiche di metallo che imitano quelle umane, quella sviluppata da Daniela Rus e dal suo team di ricerca al Massachusetts Institute of Technology (Stati Uniti) ha qualcosa di più esotico e creativo. A prima vista sembra una specie di tulipano o di palloncino sgonfio, ma è in realtà un sistema molto innovativo e basato sul principio degli origami. Nella sua struttura di gomma viene pompato o rimosso del gas a seconda dell’esigenze, facendo aprire e chiudere la “mano” come un fiore. In questo modo si ottiene un effetto ventosa, che permette di bloccare oggetti di piccole e medie dimensioni e di sollevarli, tramite un normale braccio meccanico.

La presenza della gomma e l’effetto ventosa rendono il sistema di Rus molto delicato, quindi adatto anche per impugnare e sollevare oggetti che si potrebbero danneggiare con una presa troppo forte. La “mano” può sollevare oggetti con un peso pari a 100 volte il suo senza perderne la presa. Sistemi analoghi erano già stati sperimentati in passato, anche se con esiti alterni e non sempre soddisfacenti. I robot origami e che sfruttano aria compressa o altri gas sono sempre più considerati come un’alternativa ai robot tradizionali, di metallo e con motori, per svolgere diversi compiti per esempio nelle linee di montaggio delle fabbriche o nei magazzini per raccogliere e organizzare materiale e merci.

La coppia del meme del “fidanzato distratto” è felice in Ungheria

La coppia del meme del "fidanzato distratto" è felice in Ungheria

Il governo ungherese di Viktor Orban – molto conservatore, populista e nazionalista – sta promuovendo nuove misure a favore delle famiglie con manifesti che raffigurano una coppia felice. In molti hanno però notato che si tratta della stessa coppia diventata famosa su internet nel 2017 per il cosiddetto meme del “fidanzato distratto“. Entrambe sono infatti fotografie di stock, cioè non realizzate appositamente ma messe in vendita e disponibili a tutti da un’agenzia fotografica, in questo caso Shutterstock; fanno parte di un servizio realizzato dal fotografo Antonio Guillem, che racconta la vita della coppia tra tradimenti, proposte di matrimonio e richieste di mutuo.

Il meme del “fidanzato distratto” consisteva in una delle molto foto di quel servizio, quella in cui il ragazzo cammina tenendo per mano la sua fidanzata e si gira a guardare un’altra ragazza, facendo un’espressione di apprezzamento per quest’ultima, suscitando il disgusto della presunta fidanzata.

Forse dovremmo tutti spegnere le candeline come Mitt Romney, o anche meglio di così

Forse dovremmo tutti spegnere le candeline come Mitt Romney, o anche meglio di così

Mitt Romney, ex candidato presidente degli Stati Uniti per i Repubblicani e ora senatore dello Utah, ha diffuso ieri un video in cui spegneva le candeline sulla torta di compleanno che gli avevano preparato i suoi collaboratori al Senato. Il video ha girato molto principalmente per via del bizzarro modo con cui Romney spegne le candeline: togliendole una ad una dalla torta e soffiandoci sopra tenendole in mano.

Romney, delle cui stranezze e piccole eccentricità si è spesso parlato, è stato inizialmente molto preso in giro per questo strano modo di spegnere le candeline, ma poi qualcuno si è domandato se non lo stesse facendo solo come forma di cortesia: per evitare di sputacchiare su tutta la torta prima che gli altri la mangiassero. Lui, alcune ore dopo, ha confermato questa versione, ma a quel punto avevano già cominciato a circolare altri video che mostravano che l’aria espirata da Romney avesse comunque raggiunto la torta, vanificando le sue buone intenzioni.

Uno studio di qualche anno fa aveva comunque suggerito che sia una buona idea non soffiare su una torta prima di dividerla con gli ospiti, per evitare di dividere con loro anche batteri e altri microorganismi.

Nuovo Flash